Home / Roma News / 1 luglio 2015: Accensione speciale del Colosseo dopo il tramonto, per celebrare l’abolizione della pena di morte in Nebraska
Comunità di Sant'Egidio

1 luglio 2015: Accensione speciale del Colosseo dopo il tramonto, per celebrare l’abolizione della pena di morte in Nebraska

NEBRASKA: La storica scelta di abolire la pena di morte presa il 27 maggio viene celebrata a Roma dalla Comunità di Sant’Egidio e dalla Città di Roma,
con l’accensione speciale del Colosseo
Domani, 1 luglio 2015 dopo il tramonto. Alle ore 21.
Con il contributo tecnico di ACEA

ROMA – Una promessa mantenuta. Quando il Parlamento del Nebraska si avvicinava a una decisione storica, la prima abolizione votata da uno stato a guida repubblicana, dopo il Nord Dakota nel 1973, la Comunità di Sant’Egidio aveva annunciato, insieme a Mario Marazziti, presidente del Comitato per i Diritti Umani della Camera dei Deputati, l’accensione speciale del Colosseo.
Da tempo il Colosseo è il centro del movimento mondiale delle Città per la Vita, le Città contro la pena di morte, nella Giornata mondiale del 30 novembre di ogni anno, giorno anniversario della prima abolizione della pena capitale, avvenuta nel 1786 per iniziativa del Granduca Pietro Leopoldo di Toscana.
È il modo per celebrare una svolta che accorcia la distanza tra America ed Europa sul terreno decisivo del rispetto della vita umana, anche quella dei colpevoli.
È stato un percorso difficile quello che ha portato all’abolizione. Iniziata nel 1981, con un tentativo ogni anno, la vittoria degli abolizionisti indica un cambiamento importante che può avere conseguenze anche in altri stati mantenitori. In un Parlamento mono camerale il voto è arrivato fino a 32 voti favorevoli, bi-partisan, e i voti contrari hanno oscillato da 15 a 17, per arrivare a 19 in quello decisivo che ha annullato il veto del governatore Pete Ricketts.
Il governatore Ricketts, che è pesantemente intervenuto per bloccare il provvedimento, e che alla vigilia del voto ha comprato nel sub-continente indiano le sostanze letali che potrebbero provocare esecuzioni “difettose” come quelle in Oklahoma e Arizona, sembra intenzionato a promuovere un referendum e a contrastare la storica decisione del suo Parlamento.
Per questo è importante che il mondo mostri la sua solidarietà e che Roma e il Nebraska siano più vicini.
La festa di domani è solo l’anticipazione della celebrazione cui saranno presenti i Membri del congresso del Nebraska e il movimento abolizionista, prevista in occasione della Giornata Mondiale delle Città contro la Pena di Morte del prossimo 30 novembre 2015.

L’evento è organizzato con patrocinio del Ministero dei Beni Culturali e di Roma Capitale

Roma, 30 giugno 2015

Cerca anche

raccolta_firme

Legittima difesa: Idv, superate 300mila firme per proposta legge

“Dal Veneto alla Calabria, dalla Val D’Aosta alla Sicilia: la proposta di legge popolare dell’Italia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *