Home / News / Aglieri: “Ex Drive In: MAI parlato di esproprio”
LEANDRO

Aglieri: “Ex Drive In: MAI parlato di esproprio”

Il leader di Rinnovamento di Palocco replica al Consorzio Axa su presunti espropri  della storica area del quartiere.

“E chi ha mai parlato di esproprio? Noi di Rinnovamento di Palocco abbiamo solamente dichiarato che è inaccettabile che lo storico Drive In di Casalpalocco, per anni luogo di piacevole svago per tanti residenti e anche per tanti romani, si sia trasformato in un’area sporca e abbandonata, ricovero di balordi e sbandati dove, secondo fonti accreditate, avverrebbero anche loschi traffici”.

Questa la replica di Leandro Aglieri, candidato presidente alle prossime elezioni per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Casalpalocco.
“Abbiamo inoltre chiesto un immediato intervento delle istituzioni perché sia ripristinata la legalità, dopo di che siamo disponibili ad avanzare delle proposte per il suo recupero”.
“Le ‘proposte per il recupero’ non riguardano minimamente l’esproprio che, tra l’altro, è un istituto giuridico lontano dai valori di riferimento di Rinnovamento di Palocco”, dichiara il dottor Aglieri. “L’idea di realizzare un’area fruibile dai cittadini può tranquillamente essere coniugata con la proprietà privata, tra l’altro nell’area erano già presenti una pizzeria ed un asilo che poi sono stati chiusi senza motivo”, continua il presidente di Rinnovamento di Palocco.
 “Quindi, in sintesi, Nessun esproprio, Ripristino della legalità e opposizione all’edificazione dell’area, ma recupero di quanto già esistente eventualmente utilizzandolo a scopi culturali o sportivi”, conclude il leader del movimento.
  
 Rinnovamento di Palocco
Tel: 06-39.870.254
 Fax: 06-233.101.63
Per ulteriori approfondimenti: dottor Aglieri cell. 320.0666668
Ufficio stampa
Maria Grazia Stella

Cerca anche

striscione CasaPound basta degrado

Ostia, CasaPound allestisce accampamento sotto al municipio: stasera manifestazione contro il degrado a Lido Centro

Roma, 30 giugno – Coperte, cartoni, sedie, un ombrellone ed uno striscione che recita «basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *