Home / Ambiente / Al via spiaggia e fondali puliti
spiaggia

Al via spiaggia e fondali puliti

Mozziconi di sigaretta e cotton fioc. Sono per la maggior parte questi i rifiuti recuperati dai cento volontari e studenti che armati di sacchi, guanti e rastrelli hanno aperto oggi a Ostia presso lo stabilimento Mediterranea di Capocotta il lungo week end di “Spiagge e Fondali puliti 2010”, la campagna di Legambiente, realizzata con il contributo di Unipol Gruppo Finanziario, che ogni anno con migliaia di volontari si adopera su tutto il territorio nazionale per la pulizia di spiagge libere, scogliere fondali, nonché argini di fiumi e laghi. C’erano anche bottiglie di plastica, lattine di birra e qualche siringa nei 12 sacchi riempiti dai ragazzi oggi, per un totale di circa 80 kg di spazzatura estratta dalla spiaggia e dalle dune protette di Capocotta, in meno di un’ora.

“Il 27 per cento dei rifiuti che si trovano sulle coste – spiega Cristina Avenali, direttrice di Legambiente Lazio – sono mozziconi di sigarette: tre per asciugamano. Arriviamo al 40 per cento del totale con i pacchetti di sigarette e gli accendini. Le cicche continuano a guidare la top ten dei rifiuti in spiaggia, ben 12 milioni e 440 mila, due ogni metro quadrato.
Complessivamente dai 13 milioni di fumatori italiani vengono dispersi nell’ambiente 72 miliardi di mozziconi. Sono uno scempio che non può continuare, ben vengano sanzioni, anche stile San Francisco, per impedire che i rifiuti siano gettati ovunque”. La pulizia è stata l’occasione per concludere il progetto “Isola sotto il mare” organizzato in collaborazione con il Circolo Litorale Romano e Roma Natura, che oggi ha premiato gli studenti autori di racconti e disegni sull’area marina protetta delle Secche di Tor Paterno. La giornata e’ iniziata con una lezione teorica di immersione ed è proseguita con un’esercitazione di Marine Pollution, la pulizia della costa da sversamento di idrocarburi. Gli studenti delle scuole locali, guidati dal circolo Protezione Civile Legambiente Lazio, hanno vestito i panni dei tecnici con tute, guanti, stivali e maschere antigas.

Nel Lazio la campagna proseguirà domani a Passoscuro, presso la spiaggia di Vindicio-Formia e a Sabaudia con un’iniziativa interamente dedicata al tema dell’accessibilità in spiaggia per i diversamente abili.

Fonte notizia La Repubblica

Cerca anche

20150316_172824

Marsella (Casapound), giro con i residenti a Dragona tra degrado e insediamenti Rom

“Ieri pomeriggio, accompagnati da alcuni residenti, siamo stati a Dragona per documentare la presenza di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *