Home / Curiosità / Bambini e famiglie sono uguali e io Maestro e Cristiano insegno in Moschea
Maestro Cristiano

Bambini e famiglie sono uguali e io Maestro e Cristiano insegno in Moschea

Ostia Lido, la Rete Pacis in Terris con il Maestro Lorenzo:la Cultura e la Pedagogia Italiana le “armi” più potenti per la Pace.Bambini e famiglie sono uguali e io Maestro e Cristiano insegno in Moschea – Maestro Lorenzo:”Colleghi,venite a essere strumento di Pace insegnando Lingua e Cultura Italiana ai Musulmani”

La Guerra si vince con la Pace ed un Maestro di fede Cristiana ce lo insegna nel modo più bello – dichiara DI TOMASSI Stefano dei Pedagogisti Educatori Italiani e Referente della Rete Pacis In Terris –   Con la Pedagogia  e la Cultura si spengono sul nascere i focolai del Pregiudizio e della Paura, disinnescati coloro che sull’Odio fanno consenso, potere e soldiPer questo ad Ostia e in X Municipio di Roma vogliamo portare la Cultura e la Pedagogia Italiana, per le quali siamo un Faro nel Mondo, proprio nella Moschea per costruire gli strumenti del Dialogo, anche alfabetico, insieme ai bambini e alle famiglie islamiche che si sentono Italiane.”   

Il Maestro Lorenzo BACCHI, nell’ambito della Rete Pacis, ha intrapreso, già da qualche mese, un percorso di alfabetizzazione italiana e promozione della Cultura nella MOSCHEA SERVI DI DIO in Ostia Lido Lungomare Toscanelli insieme a bambini e famiglie, lavoratori e addirittura all’ Imam, perché tutti vogliono sentirsi appieno Cittadini Italiani anche se la loro fede è Islamica. E così un Maestro in pensione di Fede Cristiana ha accolto la loro speranza di sentirsi maggiormente parte della nostra Società Civile, di averne i mezzi e le possibilità.

Il Maestro LORENZO è il decano della nostra Scuola Repubblicana sul X Municipio di Romauno dei Monumenti Viventi del nostro Territorio Ostiense,  un punto di riferimento autorevole, forte della sua competenza come della sua semplicità. Un Cristiano che nella Carità e nelle Opere fa la sua principale azione di Testimonianza. Ha iniziato la sua magnifica esperienza di Maestro nel 72 in una Scuola a Montemario dove gli affidarono i bambini più difficili in quelle che chiamavano classi differenziali. Dal lavoro duro e per il quale difficilmente si trovava un orientamento manualistico e accademico iniziò a predisporre un Metodo Sperimentale Personalizzato che lo aiutava ad insegnare ai bambini più fragili e più bisognosi che spesso gli venivano affidati in quanto uomo. Attraverso il Teatro, che costruì insieme ai bambini e alle famiglie, utilizzò l’esperienza dello spettacolo per fare Scuola, scienza (costruendo insieme ai bimbi le luci di scena) e anche italiano (lavorando sul testo), ma anche matematica quando si trattava di misurare le Scenografie.Nel 76 ‘sbarcò’ ad Ostia presso la Scuola Stella Polare (Ora Istituto Comprensivo Mar dei Caraibi) e poi alla Scuola Capo d’Armi (Ora Istituto Mar Rosso) che prima era un Plesso della Mar dei Caraibi. Il Maestro Lorenzo insegnò qui fino al 2006 quando si ritirò in un pensionamento che però mai è riuscito a fermare il suo spirito didattico ed evangelico, il suo naturale Carisma Missionario.A coronare questa Vocazione ora è l’impegno in prima linea per Insegnare la Lingua e la Cultura Italiana ai Musulmani nella Moschea di Ostia, in un momento storico che maggiormente li vede come Cultura e Fede al centro del Pregiudizio e spesso dell’Odio.

Sarebbe meravigliosa una Società Civile Italiana, una Repubblica, che anziché inviare circa una volta a settimana Pattuglie di Polizia all’interno del Centro di Ostia, come in tantissimi altri, mettesse lo stesso impegno anche per garantire, all’interno dei luoghi adibiti alla Preghiera e alla Cultura Musulmana, Maestri di Strada, Professori della Repubblica, Educatori e Pedagogisti. C’è bisogno certamente di controllo e monitoraggio in questi mesi nei quali assistiamo a fatti di cronaca agghiaccianti ma è necessario iniziare a mettere in Campo Politiche Socio Pedagogiche su scala Nazionale e Locale che mettano al centro una Presenza dello Stato Italiano attraverso le ‘armi’ della sua Cultura, della sua Scuola, della sua grande Storia di Civiltà per la quale siamo considerati “brava gente”.

Il Maestro Lorenzo invita i suoi Colleghi a seguirlo in questa iniziativa perché unisce competenza professionale ad un fine civico e morale altissimo perché costruisce la Pace proprio nei luoghi della Preghiera, dal Cuore dell’Uomo. Dare la possibilità di più Incontri, magari con una equipé di docenti, è importante per far sentire una vicinanza forte della nostra Cultura nei luoghi della loro Cultura e permettere una vera INTER CULTURA anziché un approccio, pur sempre utile, ma Multiculturale che risulta più assimilativo che integrativo o anche di tipo Artistico che va a valorizzare l’aspetto più superficialmente Folkloristico anziché l’ambito più approfonditamente Socio Pedagogico.

Sul Territorio Ostiense sono molte le Scuole che insegnano l’Italiano ai Musulmani, le principali e virtuose sono nella Comunità di Sant’Egidio e nella Scuola Amendola-Guttuso e nel Centro Territoriale Educazione Permanente. Famiglie, Adulti e bambini possono assimilarsi nel tessuto metropolitano attraverso questi corsi che garantiscono con un esame finale l’acquisizione dell’attestato di competenza necessario.

Il Maestro Lorenzo ha voluto avviare queste Lezioni all’interno del luogo per eccellenza della Cultura Islamica proprio per andare incontro nella maniera più disponibile, antropologica, umana, vivendo il loro luogo principale.

Si incontra ogni Settimana ma vorrebbe ampliare il numero delle lezioni sebbene non essendo più un ‘ragazzino’ avrebbe bisogno di collaboratori. Per questo di rinnova l’appello e chiunque voglia costruire la Pace può comunicarcelo per essere presente e attivo.

C’è chi va all’estero a farsi strumento di dialogo ma c’è anche la possibilità per chi è qui, sul territorio, di farsi ugualmente parte di un’opera di incontro e ascolto. La Pedagogia della Prossimità ci richiama all’impegno non necessariamente lontano ma vicino, nel tuo quartiere, nelle tue strade.

Cerca anche

Ikea - Kallax

Kallax: nuova linea di scaffali Ikea

Dopo l’enorme successo delle librerie Expedit, che, insieme a Billy e Kötbullar, sono entrate a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *