Home / News / “Banchi e sedie nelle nuove classi del Tredicesimo? Ancora promesse al vento”
GIULIO NOTTURNI

“Banchi e sedie nelle nuove classi del Tredicesimo? Ancora promesse al vento”

Notturni (Cambiare Davvero): “Il Bilancio capitolino non è ancora stato approvato e intanto le scuole vanno a fuoco”.

“Banchi e sedie in arrivo per le nuove 22 classi delle scuole del municipio XIII? Ancora promesse. Promesse prive però di fondamento in quanto il bilancio di Roma Capitale, da cui dipende l’acquisto degli arredi, non sarà approvato prima della fine di settembre. Per questo le dichiarazioni rilasciate ieri dall’assessore alle politiche scolastiche municipale, Lodovico Pace, suonano soltanto come una boutade”. Lo dichiara Giulio Notturni, coordinatore romano giovani “Cambiare davvero”.

“A questa già drammatica situazione”, prosegue l’esponente politico, “si deve aggiungere il rogo che ieri sera ha trasformato in un ammasso di macerie fumiganti l’ex scuola materna Doremi Diverto di via Adolfo Cozza. La struttura, ricordo, avrebbe dovuto essere oggetto di un completo restyling grazie ad un progetto che fu presentato in aula consiliare a luglio del 2011 grazie ad un finanziamento di 2 milioni 500.000 euro”.

“Ma anche in questo caso si trattò solo di promesse della giunta Vizzani. L’autunno scorso la scuola fu occupata da famiglie in emergenza abitativa che poi occuparono la ex scuola Sagittario, attualmente dismessa e presidiata dalla municipale. Come non ricordare poi l’ex scuola Gil di corso Duca di Genova?”, domanda Giulio Notturni. “Sul fronte scuola, tanto per rimanere in argomento, è il dramma più totale: scuole chiuse, evacuate, demolite. Da ultimo, poi, scuole addirittura in fiamme! Chi ci rimette? I cittadini, ovviamente. Che fare? Mandare a casa questa amministrazione di centrodestra evidentemente incapace di governare”.

Fonte notizia Il Faro

Cerca anche

striscione CasaPound basta degrado

Ostia, CasaPound allestisce accampamento sotto al municipio: stasera manifestazione contro il degrado a Lido Centro

Roma, 30 giugno – Coperte, cartoni, sedie, un ombrellone ed uno striscione che recita «basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *