Home / Ambiente / Casapound Italia: una rotatoria mai finita simbolo di degrado e abbandono

Casapound Italia: una rotatoria mai finita simbolo di degrado e abbandono

rotatoria 1Questa notte CasaPound Italia  ha affisso uno striscione sulla rotatoria che insite sull’ incrocio tra via Capo Spartivento e Via Tabacchi. A spiegare l’ azione è CasaPound X Municipio in una nota “Quando si parla di opere incompiute non bisogna necessariamente pensare alla Salerno-Reggio Calabria o agli ecomostri sparsi sul territorio italiano,basta affacciarsi dalla finestra e rendersi conto che nel nostro piccolo si manifestano le stesse identiche dinamiche nazionali”. Prosegue la nota “Una i cui lavori sono stati avviati ormai diversi mesi fa, sempre proceduti a rilento e che a tutt’oggi mostrano un’opera ancora transennata e rimasta incompiuta. La nostra denuncia è a 360 gradi ” – continua la nota – “non un cartello informativo di inizio e fine lavori e costo dell’opera, nessun nome cui far riferimento e quindi nessuno che si prenda le responsabilità di questo stato di cose. In fine ci chiediamo se chi ha progettato e autorizzato l’opera si sia posto il problema della visibilità dei pedoni che attraversano da dietro il guard-rail. Siamo sicuri ” – conclude la nota- “che il problema non è nella disponibilità economica dato che di recente il municipio ha avviato lavori per circa 500.000 euro per una pista ciclabile mentre il territorio annega sotto il maltempo e le strade tornano ad essere groviere. Pretendiamo risposte immediate, che non siano i soliti oscuri interventi in somma urgenza come quelli cui la precedente giunta faceva ricorrente uso. Vogliamo un municipio efficiente e pragmatico”.

www.casapounditalia.org

http://www.casapoundlitoraleromano.org

tel.3341279393

Cerca anche

Nuova discarica in Via del Collettore Primario

Ostia Antica (Saline): Canale di Bonifica in Via del Collettore Primario nuovamente deturpato dai rifiuti

Roma, 7 novembre 2015 – Poco meno di due settimane fa, grazie all’Associazione ‘Salviamo Ostia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *