Home / News / Chiaraluce, Sovranità: Alfano scioglie per mafia il municipio di Ostia per salvare il PD e Marino
Carlotta Chiaraluce - Sovranità

Chiaraluce, Sovranità: Alfano scioglie per mafia il municipio di Ostia per salvare il PD e Marino

Roma, 27 agosto – “Alfano e Gabrielli si inventano un commissariamento fuori dalla legge pur di salvare il Pd e non andare a elezioni”, Così Carlotta Chiaraluce, segretario provinciale romano di Sovranità, commenta lo scioglimento per mafia del X Municipio decisa dal Cdm.

“Oggi è accaduto quello che da mesi oramai ci aspettavamo – sottolinea Chiaraluce – Il municipio di Ostia viene sciolto ufficialmente per mafia mentre il Comune di Roma, che ha avuto più di 3 rimpasti di giunta e una marea di arrestati e indagati tra gli amministratori PD, si salva e grazie alla relazione di Gabrielli che diventa di fatto il badante di Marino”. “Il governo ha anteposto alla legalità gli interessi economici del Giubileo alle porte decidendo – prosegue Chiaraluce – di salvare Marino e di sacrificare il territorio di Ostia attraverso una forzatura inaccettabile del testo unico sugli enti locali, che non contempla lo scioglimento dei municipi per mafia né la sostituzione da parte dei prefetti dei politici che hanno fallito. Con l’escamotage del commissariamento del X Municipio ha scongiurato le prossime elezioni per Ostia, che stando così le cose non avverranno prima del 2017”. “Oggi i cittadini romani sono stati nuovamente sconfitti da un governo di cialtroni, affaristi e arroganti e si sono visti scippare ancora una volta la propria sovranità. Noi non siamo disposti ad accettare supinamente queste decisone – conclude Chiaraluce – e siamo pronti fin da subito a mobilitarci per chiedere immediate elezioni. Roma non ha bisogno di un prefetto supervisore, ma di un nuovo sindaco”.

Carlotta Chiaraluce - Sovranità

Cerca anche

striscione CasaPound basta degrado

Ostia, CasaPound allestisce accampamento sotto al municipio: stasera manifestazione contro il degrado a Lido Centro

Roma, 30 giugno – Coperte, cartoni, sedie, un ombrellone ed uno striscione che recita «basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *