Home / Roma News / Ciampino in fiamme paura nel quartiere

Ciampino in fiamme paura nel quartiere

Sei incendi si sono sviluppati questa mattina nella zona di Ciampino e nella zona del comune di Roma confinante con Ciampino. In due ore, dalle 11.00 alle 13.00, molti cittadini hanno vissuto attimi di paura, con la chiusura della linea ferroviaria per un’ora.

CAMPO NOMADI – Quello di dimensioni maggiori si è sviluppato, con probabile origine dolosa, nel campo nomadi “La Barbuta“, dove una copiosa colonna di fumo si è alzata in piena rotta di decollo dei voli del confinante aeroporto e accanto al tratto di Grande Raccordo Anulare limitrofo.

Sul posto, i mezzi dei Vigili del Fuoco non sono riusciti ad accedere, anche a causa dei cantieri per il raddoppio del campo recentemente iniziati (e per i quali il Sindaco di Ciampino si è rivolto al Tar chiedendone la sospensiva). Per domare le fiamme è stato necessario l’intervento di un elicottero dei Vigili del Fuoco che ha dovuto effettuare diversi lanci.

LINEA FERROVIARIA CHIUSA – Quattro altri incendi si sono verificati, quasi in contemporanea, lungo le linee ferroviarie che attraversano il centro della città, costringendo a chiudere le linee ferroviarie da e per Roma-Termini dalle ore 12.15 per oltre un ora. Quello di dimensioni maggiori ha lambito un palazzo al centro di Ciampino e delle auto parcheggiate, tra Viale Kennedy e Via di Morena; altri tre, che hanno causato problemi per la viabilità, si sono verificati in Via della Folgarella/Via Donizetti, Via San Paolo della Croce e Via Morosina. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia locale, coordinati dal Comandante Roberto Antonelli, che hanno coinvolto immediatamente la tenenza dei Carabinieri, i Vigili del Fuoco e la Protezione civile.

Un ulteriore incendio si è verificato lungo Viale Kennedy, al confine tra Ciampino e Roma, a causa della propagazione dell’incendio al campo nomadi, molto vicino in linea d’aria.

L’ATTACCO DEL SINDACO – “Quello che è accaduto oggi”, afferma il Sindaco di Ciampino, Walter Enrico Perandini, è inaudito. “Nello stesso giorno si sono verificati due pericoli per la cittadinanza che segnaliamo da mesi: gli incendi al campo nomadi sono all’ordine del giorno, e invece di smantellarlo se ne delibera il raddoppio, negandoci anche gli atti amministrativi. Per quanto riguarda le ferrovie, è di pochi giorni fa il nostro ennesimo richiamo alla situazione di incuria in cui versano le nostre cinque stazioni, sia in termini di servizi ai pendolari, sia in termini di sicurezza. Ora è necessario che le istituzioni competenti, alle quali ci siamo ripetutamente rivolti, comprendano che una mattinata del genere è irripetibile, e che solo il tempestivo intervento delle forze dell’ordine e della Protezione Civile ha evitato il verificarsi di guai peggiori”.

Cerca anche

foto-legittima-difesa-idv

Legittima difesa: ‘Idv, 2 milioni di firme, record nella storia della Repubblica’

“Abbiamo raccolto 2.045.680 sottoscrizioni certificate alla nostra proposta di legge popolare sulla legittima difesa, già …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *