Home / Ambiente / Delibera di Piccola Palocco
CASALPALOCCO

Delibera di Piccola Palocco

CASALPALOCCO

Questa notte si è messo un punto, che ci auguriamo definitivo, all’incubo cemento di questa città. La partecipazione dei cittadini, delle associazioni e dei comitati insieme all’impegno costante nostro e di tutte le opposizioni ha messo alle strette l’amministrazione Alemanno che non è riuscita a chiudere questa stagione con il bottino che si era prefissato. Sono davvero felice e orgoglioso che sul nostro territorio il Comitato di comitati NO Piccola Palocco abbia avuto la meglio sugli interessi speculativi. Ha vinto il lavoro di squadra, hanno vinto la democrazia e la politica dell’ascolto e della legalità.

Ci siamo impegnati con tutte le nostre forze a livello municipale, comunale e regionale perché questa vicenda avesse l’attenzione e l’esito che meritava. E lo abbiamo fatto in primo luogo nell’interesse diretto degli abitanti della zona, per scongiurare i pericoli più immediati legati al dissesto idrogeologico e alla drammatica situazione della mobilità che caratterizza questo municipio. Ma ci tengo a precisare che il senso più ampio di questa battaglia è nel nostro dissenso nei confronti di una concezione distorta, quando non del tutto assente, del bene comune e della pianificazione territoriale portata avanti in questi ultimi anni dalla politica di centro-destra. Il nostro obbiettivo è ridare energia e futuro al nostro Municipio e alla nostra città. Riteniamo sia prioritario adesso concentrarci sul miglioramento dei servizi, l’attenzione all’ambiente, la rivalutazione delle nostre risorse culturali, naturalistiche e imprenditoriali. In questa visione la speculazione edilizia, in qualunque modo mascherata, non trova spazio, né ragion d’essere.

Possiamo progettare un Municipio X diverso da quello che ci hanno prospettato finora e con la partecipazione di tutti. Per rispetto delle generazioni future alle quali abbiamo il dovere di lasciare in eredità opportunità e speranze e non solo dissesto e cemento.

Andrea Storri

Cerca anche

20150316_172824

Marsella (Casapound), giro con i residenti a Dragona tra degrado e insediamenti Rom

“Ieri pomeriggio, accompagnati da alcuni residenti, siamo stati a Dragona per documentare la presenza di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *