Home / Sport / F1 GP della Malesia: scintille e divertimento
gp-malesia-f1-2013-qualifiche-mercedes-15

F1 GP della Malesia: scintille e divertimento

Si conclude con una doppietta Red Bull , il Gran Premio di Formula 1 in Malesia. Primo Vettel, secondo Webber. Ma a suscitare tanto interesse non è stato l’ordine di arrivo, quanto il modo in cui è maturato questo risultato. Infatti a pochi giri dalla fine del GP, Webber conduceva la gara con ampio margine e Vettel navigava al secondo posto. Con il passare dei giri il giovane pilota campione del mondo si avvicinava al suo compagno di squadra e tentava (con esito positivo) in tutti i modi il sorpasso rischiando più volte incidenti e collisioni con il muretto.  Questo sorpasso ovviamente ha suscitato le ire del team Red Bull che già aveva deciso l’ordine di arrivo in precedenza , ovvero Webber primo davanti a Vettel. Il pilota australiano incredulo ha dovuto cedere il trono al suo compagno di squadra, dimostrando tutto il suo malcontento, prima con un gestaccio verso Vettel e poi con un volto molto scuro sul podio e nelle interviste dopo gara. Vettel ha tentato anche la via delle scuse ma Webber ha spedito al mittente le scuse.

Una situazione simile , ma non altrettanto clamorosa, si è verificata anche tra i due piloti della Mercedes  Hamilton e Rosberg.

Infatti i due piloti in terza e quarta posizione verso la fine della gara hanno un passo notevolmente diverso, con Rosberg molto più veloce di Hamilton, ma anche in questo caso gli ordini di scuderia hanno deciso l’ordine di arrivo.

Weekend amaro invece per la Ferrari, che perde quasi subito Alonso a causa dell’alettone anteriore della sua Ferrari che finisce sotto la vettura impedendo di fatto al pilota spagnolo di continuare la gara.

Limita i danni l’ottimo Massa che con la sua vettura raccoglie un buon quinto posto.

Cerca anche

bullismo 5

Legio XIII: al via la campagna contro il bullismo

LEGIO XIII IMPEGNATA A 360° NEL SOCIALE: DOPO AVER INDOSSATO LE MAGLIE DELL’UNAR AL VIA …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *