Home / Tecnologia / Facebook Messenger si rinnova: al via le chat anche con chi non è tra gli “amici”
Facebook Messenger

Facebook Messenger si rinnova: al via le chat anche con chi non è tra gli “amici”

Nuova funzione per Facebook Messenger (o meglio, funzione già esistente ma ripensata e riscritta): avvio di una conversazione con chi non è “amico”.

Si tratta di uno strumento che offre la possibilità di aprire una conversazione anche con persone al di fuori di coloro che nel portale figurano come “amici”. In passato tutti i messaggi provenienti da questi ultimi venivano collocati all’interno della cartella “Altro” che raramente veniva consultata, senza considerare che era accessibile solo da PC e non da mobile.

Ora la cartella è stata sostituita dalla sezione “Richieste di messaggio”, dove arrivano le richieste di chat da parte di persone che sono in possesso del nostro nominativo (condizione indispensabile alla fruizione del nuovo servizio) seppure non appartenenti ai contatti di Facebook. Saremo noi, poi, a decidere se accettare la richiesta oppure ignorarla e inserire il messaggio nello spam, in modo da non essere ricontattati da qualcuno con cui non abbiamo interesse a conversare. Queste le parole del vice presidente dei prodotti di messaggistica del colosso americano David Marcus: “Vogliamo rendere il Messenger un luogo in cui le persone si possono trovare e connettere privatamente con qualsiasi persona, ma solo con quelle che accettano di comunicare tra di esse“.

Essendo sufficiente il nome di una persona per inviarle un messaggio, Facebook Messenger si appresta, quindi, ad abilitare la comunicazione tra individui che non si conoscono, eludendo l’antico rituale di dover reperire il numero di telefono per poter instaurare in qualche modo un dialogo: “Dimenticate i numeri di telefono“, sottolinea Marcus, che aggiunge: “Ora, l’unica cosa che vi serve per parlare con chiunque nel mondo, è il suo nome“.

Cerca anche

acceleratore di protoni

A Ruvo di Puglia il prototipo industriale che riconosce e cura i tumori

I dipendenti della “Itel” da sei anni stanno lavorando al progetto che nel 2016 potrebbe …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *