Home / News / In viaggio sul Roma-Lido, L’afa è insopportabile

In viaggio sul Roma-Lido, L’afa è insopportabile

I tratto ferroviario Ostia-Roma è sempre più insostenibile, la rabbia dei pendolari e dei turisti in generale si fa sempre più accesa: è evidente che servono treni nuovi.

Il sarcasmo è l’unica nota lieta, per così dire, tra le lamentele dei viaggiatori della linea del mare capitolina: «Oltre che la sauna gratis, il trenino Roma-Lido può essere usato come vaporiera, piastra o forno». Purtroppo sui malumori dei passeggeri però c’è poco da scherzare. Il caldo è insopportabile e la linea Ostia Roma/Roma Ostia è l’unico mezzo per raggiungere le spiagge o il posto di lavoro. Il super-caldo portato in anticipo  dalla stagione  sta esasperando le migliaia di ironici viaggiatori, che ogni giorno sopravvivono a stento sui mezzi surriscaldati, più simili ormai a carri bestiame. Diventa quasi impossibile trovare  un treno con l’aria condizionata funzionante.

I passeggeri si sentono presi in giro e non usano mezzi termini per condannare le condizioni di viaggio alle quali sono ridotti a subire. Una denuncia arriva da Sandro Lorenzatti e Alessio Stazi, coordinatori di Sel per il XIII e XII Municipio di Roma Capitale. «Mentre forse gli alti dirigenti del trasporto comunale e regionale, se ne stanno in queste ore in uffici con aria condizionata, sul tragitto metro della Roma-Lido si assiste a scene di violenza fisica indiretta sulle persone, costrette a viaggiare accalcate in vagoni senza aria condizionata, con finestre spesso rotte, e temperature esterne di quasi 40 gradi ed interne di molto superiori», denunciano i due esponenti, che parlano di un’emergenza grave che ogni giorno potrebbe portare a rischi per la salute fisica dei cittadini.

Dateci vetture più nuove, è questo l’appello di Sel. « C’è il motivato sospetto che agli occhi di Atac e Comune di Roma, i cittadini che abitano tra Tor di Valle e Ostia siano cittadini di serie B: – concludono Lorenzatti e Stazi – sembra si stiano dirottando sul tratto urbano le vetture più moderne. Una scelta irresponsabile, anche perché sono proprio gli utenti della Roma Lido quelli che effettuano mediamente i tragitti più lunghi e quindi avrebbero bisogno di maggiore tutela».

I continui guasti, ritardi e corse saltate avevano fatto scattare la protesta a febbraio, quando i cittadini avevano occupato la linea all’altezza di Vitinia. A marzo l’ennesima rottura aveva bloccato un treno tra Magliana e San Paolo, con i passeggeri, rinchiusi nei vagoni per più di mezz’ora. Altri episodi si sono susseguiti e se continueranno ad esserci mezzi obsoleti e bollenti la protesta potrebbe trasferirsi nelle aule dei tribunali. Il Comitato Acilia Centro-Sud sta già raccogliendo adesioni, con l’aiuto di un avvocato, per avanzare una class action contro l’Atac. Saranno sufficienti cinquanta firme per far partire la causa».

Cerca anche

Ostia: CasaPound contesta Virginia Raggi, sindaco usa entrata secondaria

Roma, 21 Ottobre 2016 – “Raggi sindaca degli sfratti agli italiani”, questo il testo dello …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *