Home / Attualità / Musica e Parole
musica e parole

Musica e Parole

Fino al 15 dicembre al Teatro Tor Bella Monaca, al Teatro del Lido di Ostia e al Teatro Elsa Morante una rassegna itinerante dedicata al rapporto tra parole e musica in scena ideata dalla Casa dei Teatri e della Drammaturgia Contemporanea.

musica e paroleAndranno in scena spettacoli molto diversi tra loro: dalla musica della Napoli anni ’40 dello spettacolo Intestamè di Carlo Ragone e Loredana Scaramella, all’anteprima romana di Paranza- Il miracolo vincitore della III edizione del Festival Teatri del Sacro di Lucca (drammaturgia Katia Ippaso), dalle canzoni di Gabriella Ferri e della tradizione romana di Ti regalo gli occhi miei  per la regia di Vanessa Cremaschi, all’anteprima nazionale di I Was Born in Tbm di Edoardo Pesce e Francesca Staasch.

Gabriella Ferri sarà anche la protagonista dell’omaggio che Pino Strabioli, domenica 15 al Teatro Scuderie Corsini, le dedicherà conversando sul suo libro “Sempre”, con il commento sonoro di Fabio Magnasciutti (voce) e Dario Benedetti (chitarra).

SINOSSI SPETTACOLI

INTESTAMÈ

di Carlo Ragone e Loredana Scaramella

musiche di Stefano Fresi

con Carlo Ragone

musiche dal vivo Mimosa Campironi

regia Loredana Scaramella

Debutta al Teatro del Lido di Ostia il 10 e l’11 dicembre 2013 alle ore 21.00 lo spettacolo Intestamè di Carlo Ragone con la regia di Loredana Scaramella. Canto, ballo, mimo, poesia, storia e letteratura. Il pluriartista Carlo Ragone, autore e protagonista unico della pièce teatrale “Intestamè”,  crea un flusso continuo di emozioni tra realtà e memoria . Un funerale apre lo spettacolo, ma niente paura, in un attimo le lacrime sono trasformate in sorriso, risata, sogno. Il protagonista riceve un’assurda eredità dal padre: “A mio figlio Ferdinando ci lascio tutto. Tutto quello che non ho fatto”. Dopo aver indossato la sua giacca, unico ricordo del padre appena defunto, Ferdinando viene portato per incanto nella Napoli degli anni ’40 dove avrà finalmente l’occasione di osservare com’era suo padre da giovane, di conoscerne le speranze, le illusioni, i rimpianti. La guerra, gli americani, la fame, l’America… Napoli, soprattutto. E la sua musica.

Non ci sono stacchi, rotture, né quando canta “Vecchio frac” e “Cosa sono le nuvole” di Modugno, né quando fischietta “spingule frangese” o si lancia ne “La ballata di Johnny l’americano”, accompagnando ogni nota con una mimica che, inevitabilmente, ricorda il vecchio teatro napoletano, ma senza mai scendere nel  vecchio folklore o nella parodia. Protagonista assoluta: la fantasia. Interprete, un attore incredibilmente bravo: narratore dalla fisicità funambolica e una voce capace di mille sonorità.

Replica il 13 dicembre al Teatro Elsa Morante e il 14 e 15 dicembre al Teatro Tor Bella Monaca

PARANZA- IL MIRACOLO anteprima romana

un progetto di C. Gebbia, K. Ippaso, E. Roccaforte, A. Talamonti
drammaturgia Katia Ippaso
musiche originali e direzione musicale Antonella Talamonti
regia Clara Gebbia ed Enrico Roccaforte
con Nené Barini, Germana Mastropasqua, Alessandra Roca, Enrico Roccaforte
produzione Teatro Iaia

Paranza. Il Miracolo vincitore della III edizione del  Festival Teatri del Sacro di Lucca, debutta in anteprima romana il 10 dicembre al Teatro Tor Bella Monaca. Sulla scena si fondono i linguaggi del teatro e della musica. Gli attori/cantanti danno vita a un viaggio che re-interpreta una dimensione rituale.

Il termine paranza indica “la barca o un’associazione di barche che pescano insieme”, ma metaforicamente rappresenta anche i gruppi di fedeli che il Lunedì in Albis vanno, dai quartieri di Napoli e dai paesi della provincia, in pellegrinaggio alla Madonna dell’Arco. Spesso scalzi, in tenuta rituale, portano sulle spalle una pesante statua e, cantando e danzando, sottopongono il proprio corpo a digiuni e fatiche fisiche, per presentare la loro richiesta di grazia.

Così anche il viaggio teatrale-musicale di Paranza Il Miracolo ha la struttura di un pellegrinaggio e i quattro personaggi partono da una situazione che li ha spinti fino al ‘limite’ per cui non possono far altro che chiedere un miracolo, una grazia.

Una situazione che ci riguarda tutti da vicino. Siamo in una grande città d’Italia. L’Italia di oggi. Quattro individui si trovano per strada, ci sono finiti: un manager licenziato, una donna malata in attesa di cure, una cantante di talento che non lavora adeguatamente, una signora benestante, vittima di un  terremoto. Tutti e quattro raccontano il loro diritto al lavoro, alla salute, alla casa. Il diritto all’espressione della propria identità. I diritti conquistati ieri, sono oggi diventati dei miraggi.

Ci vuole un miracolo per riuscire a sopravvivere.

Per questo i quattro individui si radunano in “paranza” – una processione notturna che parla, mormora, intona, canta e continua a sperare – trasformandosi  da “aventi diritto” in “richiedenti miracoli”.

Replica mercoledì 11 dicembre ore 21.00 Teatro Elsa Morante, giovedì 12 dicembre ore 21.00 Teatro Del Lido Di Ostia

TI REGALO GLI OCCHI MIEI

Musiche di Gabriella Ferri e della tradizione romana

con Vanessa Cremaschi, Giovanna Famulari, Diana Tejera e Adamo Dionisi
autore Vanessa Cremaschi e Adamo Dionisi
regia Vanessa Cremaschi
musiche originali Vanessa Cremaschi

Debutta il 10 dicembre al Teatro Elsa Morante lo spettacolo “Ti regalo gli occhi miei”, concerto omaggio a Gabriella Ferri ed alla sua musica, nel 70esimo anno dalla nascita. Un ricordo dovuto, per una donna, un’artista a 360°, che con la stessa naturalezza e disinvoltura  ha calcato le scene televisive della Rai e le piazze di Testaccio. Allo stesso modo, con la stessa facilità, è stata (ed è ancora amata) dal pubblico italiano come dai romani di sette generazioni, proprio grazie alla sua autenticità, a una grande verità espressiva. Lo spettacolo è costruito sulle sue canzoni, di cui alcune scritte assieme al padre Vittorio, e frammenti di riflessioni della stessa Gabriella Ferri.

Replica al Teatro Tor Bella Monaca l’11 dicembre dicembre e al Teatro del Lido di Ostia il 14 e il 15 dicembre

OMAGGIO A GABRIELLA FERRI

Dialoghi sul libro “Sempre”

Con Pino Strabioli

musiche dal vivo Fabio Magnasciutti,voce e Dario Benedetti,chitarra

“Sono le tre della notte, non riesco a dormire, non riesco a interrompere i pensieri, sono triste, l’attesa di un po’ di luce è lacerante…”

Raccontare Gabriella Ferri non si può.

Lei lo ha fatto da sola… ogni giorno della sua vita con i suoi appunti, i suoi discorsi, le sue poesie.

Il libro “Sempre” non è una biografia, non è un racconto, non è un omaggio, non è un memoriale.

È un album che Pino Strabioli ha scritto insieme a Gabriella Ferri e questo incontro ci aiuterà a ricordarla, a riconoscerla, a ritrovarla, a risentirla.

Durante l’incontro Pino Strabioli dialogherà tra musica, ricordi, canzoni, insieme all’editore Gino Iacobelli e ai giornalisti Simona Orlando e Roberto Carvelli.

Il commento sonoro dal vivo, che proporrà alcune delle più belle musiche e parole della indimenticabile Gabriella Ferri, è affidato alla voce di Fabio Magnasciutti e alla chitarra di Dario Benedetti.

I WAS BORN IN TBM  anteprima nazionale

di Edoardo Pesce e Francesca Staasch
collaborazione ai testi
con Edoardo Pesce

musiche dal vivo Gabriele Elliott Parrini, Matteo Festa, Carlo Mastrogiacomo, Alessio Moncelsi

 Debutta in prima nazionale il 13 dicembre al Teatro Tor Bella Monaca I was born in TBM il primo spettacolo solista che Edoardo Pesce dedica al quartiere in cui è nato. “Che fine ha fatto lo spirito del blues? Dice che è disoccupato. Dice che l’hanno visto sul delta della Marana, a cantare e a raccogliere palle di cicoria. Dice che s’era stufato del Mississipi, che non c’era più niente da fare lì, che gli erano venuti i reumatismi. Invece da queste parti ci si trova bene, in mezzo ai canti dei disperati, tra i nuovi schiavi e i nuovi ricchi, nelle ballate metropolitane, anche se la metro, qui, non c’è mai arrivata.” Uno spettacolo di teatro canzone, con musica dal vivo, che racconta l’epopea onirica di una periferia sospesa fra gli scavi e i palazzoni.

OSSERVATORIO CRITICO

In ogni teatro, un gruppo di studenti universitari e di cittadini del territorio, sostenuti da una “guida”, seguiranno le rassegne in tutte le loro declinazioni, puntando la lente di ingrandimento sulla forma, i contenuti, l’interesse suscitato, le emozioni condivise. Avranno il compito di produrre contributi che verranno pubblicati sul portale della Casa dei Teatri e della Drammaturgia Contemporanea e saranno condivisi con il pubblico, in un incontro finale al Teatro Villa Torlonia il 17 giugno 2014. Le ore di studio, osservazione e produzione di materiali, verranno conteggiate al fine di produrre crediti formativi per l’Università.

TEATRO TOR BELLA MONACA

martedì 10, mercoledì 11 e sabato 14 dicembre ore 18.00/20.00
Il corso sarà condotto da Antonio Di Pofi, compositore, docente di composizione presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma
Spettacoli:
martedì 10 dicembre ore 21.00 PARANZA – IL MIRACOLO regia Clara Gebbia ed Enrico Roccaforte

mercoledì 11 dicembre ore 21.00 TI REGALO GLI OCCHI MIEI regia Vanessa Cremaschi

sabato 14 dicembre ore 21.00 INTESTAME regia Loredana Scaramella e Carlo Ragone

TEATRO DEL LIDO DI OSTIA

martedì 10, giovedì 12 e sabato 14 dicembre ore 18.00/20.00
Il corso sarà condotto da Clelia Falletti docente universitario e Roberto Campagnano, giornalista di spettacolo
Spettacoli:
martedì 10 dicembre ore 21.00 INTESTAME‘ regia Loredana Scaramella e Carlo Ragone
giovedì 12 dicembre ore 21.00 PARANZA – IL MIRACOLO regia Clara Gebbia ed Enrico Roccaforte
sabato 14 dicembre ore 21.00 TI REGALO GLI OCCHI MIEI regia Vanessa Cremaschi

TEATRO ELSA MORANTE

martedì 10 e giovedì 12 dicembre ore 18.00/20.00
Il corso sarà condotto da Carla Romana Antolini esperta in comunicazione e Giovanni Iorio Giannoli professore universitario

Spettacoli:
martedì 10 dicembre ore 21.00 TI REGALO GLI OCCHI MIEI regia Vanessa Cremaschi
giovedì 12 dicembre ore 21.00 INTESTAME‘ regia Loredana Scaramella e Carlo Ragone

CALENDARIO SUDDIVISO PER TEATRI

TEATRO TOR BELLA MONACA

 martedì 10 dicembre

ore 18.00/20.00 laboratorio gratuito
OSSERVATORIO CRITICO

ore 21.00

PARANZA, IL MIRACOLO

mercoledì 11 dicembre

ore 18.00/20.00 laboratorio gratuito
OSSERVATORIO CRITICO

ore 21.00

TI REGALO GLI OCCHI MIEI

venerdì 13 dicembre

ore 19.00 ingresso gratuito

VIDEO/DOCUMENTARIO

ore 21.00
I WAS BORN IN TBM

sabato 14 dicembre

ore 18.00/20.00 laboratorio gratuito
OSSERVATORIO CRITICO
ore 21.00

INTESTAME’

domenica 15 dicembre

ore 18.00

INTESTAME’

TEATRO DEL LIDO DI OSTIA

martedì 10 dicembre

ore 18.00/20.00 laboratorio gratuito
OSSERVATORIO CRITICO
ore 21.00

INTESTAME’

mercoledì 11 dicembre

ore 19.00 ingresso gratuito

VIDEO/DOCUMENTARIO

ore 21.00

INTESTAME’

giovedì 12 dicembre

ore 18.00/20.00 laboratorio gratuito
OSSERVATORIO CRITICO

ore 21.00

PARANZA, IL MIRACOLO

sabato 14 dicembre

ore 18.00/20.00 Laboratorio
OSSERVATORIO CRITICO
ore 21.00

TI REGALO GLI OCCHI MIEI

domenica 15 dicembre

ore 18.00

TI REGALO GLI OCCHI MIEI

CENTRO CULTURALE ELSA MORANTE

martedì 10 dicembre

ore 18.00/20.00 laboratorio gratuito
OSSERVATORIO CRITICO
ore 21.00

TI REGALO GLI OCCHI MIEI

mercoledì 11 dicembre

ore 19.00 ingresso gratuito

VIDEO/DOCUMENTARIO

ore 21.00

PARANZA, IL MIRACOLO

giovedì 12 dicembre

ore 19.00 ingresso gratuito

VIDEO/DOCUMENTARIO

venerdì 13 dicembre

ore 18.00/20.00 laboratorio gratuito
OSSERVATORIO CRITICO
ore 21.00

 

Cerca anche

Premio Poesia Città di Fiumicino

Roma, 1° luglio 2016, Biblioteca Nazionale Centrale di Roma: presentazione finalisti Premio di Poesia Città di Fiumicino

Il prossimo 1° luglio 2016, dalle ore 16.30 alle ore 18.00, alla Biblioteca Nazionale Centrale di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *