Home / Ambiente / Noi cittadini tra Roma e Ostia letteralmente sequestrati
www.ostianews.it

Noi cittadini tra Roma e Ostia letteralmente sequestrati

OstiaNews – Ho letto con interesse alcune lettere inviate da vostri lettori in merito alla chiusura della via del Mare. La situazione per gli abitanti della zona è, dal punto di vista della mobilità, drammatica.

La zona a cui mi riferisco è il quadrante che è delimitato da via di Mezzocamino, la tenuta del Presidente della Repubblica, la via del Mare e da Ostia. E mi riferisco quindi a tutti gli abitanti di: Ostia, Infernetto, Casal Palocco, Axa, Casal Bernocchi, Madonnetta, Axa Malafede, Acilia, Dragona, Dragoncello, Ostia Antica, Quartiere Caltagirone, Vitinia, Centro Giano.

Coloro che giornalmente, per raggiungere il posto di lavoro, sono costretti ad usare le uniche 2 arterie utilizzabili, la Cristoforo Colombo e la Via del Mare/Via Ostiense, sono sottoposti ad una autentica via crucis.

Il tempo per arrivare semplicemente ad entrare in una delle due strade è di circa 30 minuti. Il tempo per arrivare all’Eur da Casal Palocco (di notte 10 minuti) è di circa un ora.

Vivo da molti anni in zona, e ho visto nel giro di 20 anni, deteriorarsi drammaticamente la qualità della vita. Siamo passati da 70-80 mila abitanti a 3-400 mila. Senza che le citate 2 arterie siano state toccate. A dire il vero ci sono state delle modifiche. Che sono state fatte solo ed esclusivamente quando sono state realizzate grandi speculazioni edilizie:

è nata la complanare a ridosso di Axa e Casal Palocco negli anni 60 mentre realizzavano Casal Palocco;
è nata la complanare vicino Spinaceto mentre costruivano il centro abitato a ridosso di Spinaceto e del G.R.A.
è nato il sottopasso all’Eur in occasione della costruzione del centro commerciale Euroma2.

Da troppi anni l’Amministrazione di turno (sia essa di destra o di sinistra) se ne frega del collasso di Colombo e via del Mare e continua a rilasciare concessioni edilizie. Con il risultato che queste due strade sono totalmente sature. Mentre si parla di una nuova enorme speculazione edilizia da realizzare nell’ex Italcable. Una autentica pazzia.

Chiunque abbia intenzione di venire ad abitare da queste parti deve sapere di assumere un nuovo status sociale. Quello di cittadino legalmente sequestrato. Sequestrato nella propria zona, sequestrato nella propria auto. Ma legalmente.

Grazie.

Maurilio Silvestri

Cerca anche

striscione CasaPound basta degrado

Ostia, CasaPound allestisce accampamento sotto al municipio: stasera manifestazione contro il degrado a Lido Centro

Roma, 30 giugno – Coperte, cartoni, sedie, un ombrellone ed uno striscione che recita «basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *