Home / News / Notturni e Fares: “Non basta un ‘marchio nido’ a garantire la regolarità! Uno spot!”
GIULIO NOTTURNI

Notturni e Fares: “Non basta un ‘marchio nido’ a garantire la regolarità! Uno spot!”

“Invece di sperperare denaro dei contribuenti c’è un modo semplice per verificare i requisiti degli asili, ossia controllare che al loro interno sia affissa la determina dirigenziale di autorizzazione alla loro apertura”.

GIULIO NOTTURNIIl marchio “nidi”? Altro che sigillo che garantisce la regolarità degli asili nido! Riteniamo che il nuovo ‘marchio nidi’ apposto pomposamente tre giorni fa in tre strutture del municipio X, ex XIII, sia il solito spot elettorale ‘elargito’ dall’amministrazione uscente in occasione delle prossime elezioni comunali. Un’operazione che, oltre tutto, comporterà un inutile sperpero di soldi.

Lo dichiarano in una nota congiunta Giulio Notturni, e Simona Fares, “Lista civica per Alfio Marchini sindaco” del X (ex XIII) Municipio.

“Per riconoscere davvero gli asili nido convenzionati con il comune e privati autorizzati non servono i ‘bollini’ che certificano la garanzia delle strutture per l’infanzia in relazione a igiene, sicurezza e qualità alimentare, c’è già un modo molto semplice: è sufficiente verificare che al loro interno sia affissa la determina dirigenziale di autorizzazione alla loro apertura”, spiegano i due esponenti politici.

“Il problema dei nidi ‘camuffati’ e non autorizzati è un problema serio che non può essere risolto incollando una semplice ‘targa’, tra l’altro facilmente replicabile da chiunque, ma deve essere affrontato, semmai, informando gli utenti, attraverso il sito del comune di Roma e gli uffici preposti, su quale sia il reale elenco delle strutture autorizzate e riconosciute. Il problema maggiore del settore dell’infanzia pre-scolare è poi quello di dare risposte alle tantissime famiglie romane i cui figli rimangono ogni anno in lista d’attesa! Sono infatti tantissimi i bambini che non trovano posto nelle scuole materne e negli asili nido, con enormi disagi per i genitori costretti a rivolgersi a strutture private”, proseguono.

“Pertanto sarebbe opportuno che la somma di denaro destinata a questa ‘campagna spot’ fosse risparmiata ed invece utilizzata per riaprire i bandi di sovvenzionamento per le strutture private. A breve, comunque, usciranno le nostre proposte per migliorare e rendere più efficiente il settore degli asili nido e materne del Comune di Roma”, concludono Giulio Notturni e Simona Fares.

 Info: 349.1556882
 Ufficio stampa

Cerca anche

striscione CasaPound basta degrado

Ostia, CasaPound allestisce accampamento sotto al municipio: stasera manifestazione contro il degrado a Lido Centro

Roma, 30 giugno – Coperte, cartoni, sedie, un ombrellone ed uno striscione che recita «basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *