Home / News / Nubifragio Roma, traffico in tilt Ritardi per i pendolari. Ed è polemica

Nubifragio Roma, traffico in tilt Ritardi per i pendolari. Ed è polemica

Opposizione: un po’ di pioggia ed è caos. Pdl: polemiche sterili. Ostia, Eur, Marconi, Cinecittà le zone più colpite.

ROMA – Allagamenti, rallentamenti in metro, black out e tanto traffico. Mattinata d’emergenza per il nubifragio che ha colpito la Capitale. La Protezione civile del Lazio parla di un miglioramento delle condizioni meteo per martedì, anche se per questa notte si prevede ancora brutto tempo. Questa mattina in circa 3 ore sono caduti 90 millimetri di pioggia. La situazione è tornata alla normalità in tarda mattinata e in alcuni casi nel pomeriggio. Paura anche a Viterbo e nel Frusinate per due fulmini che hanno colpito due abitazioni. Esplodono le polemiche intanto con l’opposizione all’attacco: un po’ di pioggia ed è caos, ci sono problemi strutturali a Ostia. Per il Pdl si tratta di polemiche infantili.

Black out e allagamenti. Dall’Eur a Ostia, passando per Vitinia, Infernetto e Axa, dalla Casilina alla Prenestina fino a Cinecittà sono stati registrati allagamenti e criticità. Per più di un’ora i semafori di via Tuscolana sono stati spenti a causa di un fulmine che ha colpito una cabina elettrica. La causa dei diversi black out è stata quasi sempre l’allagamento di centraline o cabine dell’elettricità che, per poter essere rimesse in funzione bisogna aspettare che si asciughino; in alcuni casi sono stati anche dei fulmini il motivo dell’assenza di elettricità, come nel caso di Cinecittà. Acea ha fatto sapere che la situazione è tornata quasi del tutto alla normalità tranne qualche piccolo problema di calo di tensione elettrica. L’ultimo quartiere ad essere stato ripristinato è stato il Quadraro.

Metro rallentate. «I disagi verificatisi questa mattina sulle linee A e B della metropolitana – fa sapere l’Atac – sono dovuti ad alcuni disservizi causati dal soggetto fornitore dell’energia elettrica, che hanno interessato peraltro anche diversi quartieri della città. I disservizi hanno provocato un solo blocco di cinque minuti sulla metro A e alcuni rallentamenti per i danni causati agli impianti di segnalamento e sicurezza». Nel pomeriggio la chiusura della stazione S. Maria del Soccorso della metro B, poi riaperta.

In via del Torraccio si è aperta una voragine. La strada è stata chiusa al passaggio dei mezzi pesanti dalla polizia locale di Roma Capitale. Per questo la linea 053 degli autobus viene deviata su via di Torrenova.

Sulla ferrovia Roma-Lido 
ritardi di circa 10 minuti, nella mattinata. Rallentata per traffico intenso, nella zona di Porta Maggiore, la ferrovia Termini-Giardinetti. Regolare invece la linea Roma-Viterbo.
Nella zona est della capitale, in via di Tor Pignattara la linea 409 ha subìto forti rallentamenti per allagamenti nella zona, restando comunque attiva su tutto il percorso.

Criticità a Ostia. Allagamenti nell’entroterra e sul lungomare con deviazione di diverse linee bus (05 barrato, la linea 011, lo 013, lo 018). I vigili urbani sono intervenuti assieme alla Protezione civile in particolare in via di Macchia Saponara, dove la forte grandinata ha provocato un grave allagamento.

All’Eur, in piazzale 25 Marzo, durante la notte due auto coinvolte in un incidente sono state poi sommerse dall’acqua che ha allagato il manto stradale. Nessuna conseguenza per gli occupanti, che erano usciti già da tempo dai veicoli.

Torna regolare la circolazione sui treni regionali. E’ milgiorata nel pomeriggio la situazione dei treni regionali che questa mattina hanno registrato ritardi anche di un’ora. Forti rallentamenti, dalle 7.20 alle 10.35, fra le stazioni di Zagarolo e ColleMattia, sulla linea Fr6 Roma-Cassino. Squadre al lavoro per torlgiere i detriti di fango sui binari lungo la tratta ferroviaria, fra le stazioni di Marino e Ciampino, sulla linea Fr4 Roma-Albano. Risolto alle 12 circa il black out elettrico sulla Roma-Frascati che ha mandato in tilt il sistema di informazione al pubblico e inibito il funzionamento di un passaggio a livello.

Disagi anche nella zona di Fiumicino-Isola Sacra.
 Sono stati segnalati alcuni allagamenti di strade e seminterrati a causa dell’intasamento delle fogne, in particolare nella zona di via D’Altri e in alcune traverse di via Monte Solarolo.

Polemiche politiche. «Ormai è matematico: bastano sue gocce d’acqua e la rete della metropolitana di Roma va in tilt – il commento di Consigliere del Comune di Roma del Pd, Paolo Masini- È successo anche oggi con un normale temporale invernale. I romani sono stanchi di questi continui disservizi. Il sindaco Alemanno governa da quattro anni e gli standard di efficienza della metropolitana si sono notevolmente abbassati, con continui blocchi e ritardi». Ancora più duro l’attacco di Foschi. «Metro bloccata, strade allegate e traffico in tilt. Alemanno ora che farà? Chiamerà la sua signora con la sua associazione per pulire Roma?» afferma in una nota il consigliere del Pd alla Regione Lazio Enzo Foschi. Il riferimento è a un’associazione di cittadini promossa dalla moglie del sindaco, il consigliere regionale del Pdl Isabella Rauti: i volontari dell’associazione nei giorni scorsi hanno ripulito dai rifiuti alcune aree della capitale. «La polemica di Foschi verso il sindaco è disgustosa, inelegante e infantile» dichiara Francesco Storace, capogruppo de La Destra al Consiglio regionale del Lazio.

Onorato (UDc): Ostia abbandonata. «Se ogni volta che piove Roma va in tilt e tutto il XIII Municipio si risveglia sott’acqua non si tratta di essere antialemanniani, ma è evidente che c’è un problema serio – ha detto Alessandro Onorato, capogruppo Udc in Campidoglio – Ostia, Acilia e l’Infernetto in particolare vivono una situazione di gravissima emergenza idraulica, che sicuramente viene dal passato, ma che Alemanno non è riuscito e non riesce a risolvere, anzi».

La risposta del Pdl. «Evidentemente il consigliere Foschi aspira a un mondo perfetto dove il nostro pianeta è baciato il più delle volte dal sole e quando piove ciò deve avvenire solo moderatamente, in maniera ben distribuita e nelle giuste quantità – la risposta di il consigliere regionale del Pdl, Pier Ernesto Irmici – ma egli forse ignora che dopo la cacciata dal Paradiso Terrestre, bisogna fare i conti anche con eventi naturali calamitosi, e se consideriamo la forte ondata di maltempo che si è abbattuta oggi su Roma, dove in alcune zone in meno di tre ore sono caduti 90 millimetri di pioggia, la città ha dimostrato di reggere la difficile situazione in modo tale da evitare disastri. Dobbiamo elogiare, pertanto, insieme all’amministrazione di Roma Capitale anche la Protezione Civile della Regione Lazio che ha affrontato la situazione in modo efficace e tempestivo».

«Polemiche infantili». «L’unica certezza matematica che abbiamo è che certa sinistra, qualunque cosa accada, è in primissima fila per puntare il dito, peraltro non si sa bene in virtù di cosa, contro Alemanno» ha dichiarato il presidente della commissione Lavori Pubblici di Roma Capitale, Giovanni Quarzo. Per Samuele Piccolo, vicepresidente dell’Assemblea capitolina, si tratta di «polemiche infantili». «La sinistra, in palese crisi precongressuale, riconosce i poteri soprannaturali di Alemanno. Noi lo abbiamo sempre sostenuto: del resto, rimettere in piedi la macchina comunale dopo il disastro che abbiamo trovato, dai 12 e spicci miliardi di euro di buco alle strade ridotte a colabrodo, è un’impresa degna di un supereroe» le parole di Vincenzo Piso, deputato del Pdl e coordinatore del partito nel Lazio.

Fonte notizia Il Messaggero

Cerca anche

riqualificaquattro

X Municipio: CasaPound riqualifica parco di via W. Ferrari all’Infernetto

Roma, 2 luglio – “Questa mattina una trentina tra volontari di CasaPound e residenti del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *