Home / News / Ostia, CasaPound: domani a via Fasan contro gli sgomberi con Di Stefano
no 2

Ostia, CasaPound: domani a via Fasan contro gli sgomberi con Di Stefano

Chiaraluce: a nuova Ostia la Raggi fa le passerelle, noi difendiamo fisicamente i residenti

Roma, 18 Aprile – Ci sarà anche il candidato sindaco di Roma Simone Di Stefano con i residenti di via Fasan ed i militanti di CasaPound Italia domani ad Ostia sotto alle palazzine dove da mesi è previsto uno sgombero immotivato. “È da tempo – ha spiegato Carlotta Chiaraluce, candidata al consiglio comunale nella lista di CasaPound – che stiamo provando a capire cosa sta accadendo ma dal municipio nessuna concreta risposta. Proprio nei giorni scorsi ci è stato negato un appuntamento con i commissari prefettizi perché impegnati in una riunione. Lo sgombero, che dovrebbe derivare da un mancato accordo tra i proprietari degli immobili che hanno anche carenze strutturali ed il il Comune di Roma, è previsto in questi giorni. Mentre c’è chi, come la candidata grillina Virginia Raggi, ha imparato subito a fare le passerelle, noi siamo pronti – ha continuato Chiaraluce – a difendere i romani anche fisicamente se necessario”. “Da domani – ha aggiunto Luca Marsella, responsabile di CasaPound sul litorale romano – ci opporremo a questo sgombero assurdo insieme ai residenti ogni volta che sarà necessario. A nuova Ostia stiamo aiutando molte famiglie italiane in difficoltà con la raccolta alimentare, abbiamo organizzato feste con e bambini del quartiere, riqualificato più volte il parco di piazza Gasparri, tentato di bonificare lo skate park ed oggi siamo gli unici ad essere credibili in un quartiere che fino ad oggi tutti gli altri hanno denigrato. Mentre voi fate le passerelle – ha concluso Marsella – noi siamo da tempo impegnati per il quartiere”. L’appuntamento con Di Stefano è previsto per le 10.30 in via Fasan.

Cerca anche

Ostia: CasaPound contesta Virginia Raggi, sindaco usa entrata secondaria

Roma, 21 Ottobre 2016 – “Raggi sindaca degli sfratti agli italiani”, questo il testo dello …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *