Home / News / Ostia: censurato il murale nella Chiesa Regina Pacis, donato dal Maestro Mario Rosati alla comunità dei fedeli
Gloria e opere di san vincenzo pallotti

Ostia: censurato il murale nella Chiesa Regina Pacis, donato dal Maestro Mario Rosati alla comunità dei fedeli

Uno scempio ai danni della comunità, quello ‘denunciato’ dall’Associazione Spazi all’Arte di Ostia, da sempre impegnata nella realizzazione di progetti di valorizzazione – attraverso l’arte – del territorio del X Municipio, la quale reclama il ripristino di un affresco realizzato e donato alla chiesa Regina Pacis 37 anni fa dal Maestro Mario Rosati, coperto la scorsa domenica con pannelli di cartongesso.

regina pacis senza opera Mario RosatiSi era già tentato 2 anni fa di rimuovere gli affreschi – compresa l’opera muraria in oggetto “Gloria e opere di San Vincenzo Pallotti” – presenti all’interno della chiesa e realizzati dagli artisti Magnani, Rosati e Cantoni; ma già allora furono raccolte 200 firme che impedirono l’attuazione del proposito. Ora la rimozione sarebbe invece avvenuta all’insaputa dell’autore dell’opera, e arbitrariamente, benché alcuni parrocchiani sostengano che il sacerdote Barbangelo avrebbe sondato la volontà dei fedeli anche in occasione delle sante messe domenicali.

Per porre rimedio all’ingiuria, l’Associazione ha tenuto ieriopera mario rosati pomeriggio, presso il piazzale della chiesa stessa, una mobilitazione pacifica per esternare la propria “INDIGNAZIONE verso questo ATTO VANDALICO che dimostra una scarsa conoscenza delle norme sul diritto di autore e sulla disponibilità di opere d’arte che non sono proprietà del Parroco pro tempore, ma dei fedeli e della Diocesi“.

Di seguito le parole di Daniela Taliana, che così esorta i cittadini di Ostia a firmare per reintegrare l’opera:

“Quello che era stato preventivato 2 anni fa dal Parroco della Chiesa Regina Pacis nei confronti del Murale di 90 mq del Maestro Mario Rosati, è stato purtroppo realizzato nell’ombra e ad insaputa dell’autore.

L’opera muraria “Gloria e opere di San Vincenzo Pallotti’ realizzata 37 anni fa, che aveva ottenuto non solo il via libera della commissione Arte Sacra del Vaticano, ma anche una visita ed apprezzamenti da parte di Papa Giovanni Paolo II è stata definita dal parroco di oggi come “blasfema”.
Certo è che la storia ha regalato la stessa dicitura ad opere come “la morte della Vergine” di Caravaggio, “il Giudizio Universale” di Michelangelo Buonarroti, le sette opere di misericordia corporale di Caravaggio, “la strage degli Innocenti” di Giotto….e….
eppure nessuno li ha lasciato morire dietro un muro di cartongesso…

perchè dovremmo essere noi a subire questa ingiustizia?

e allora come 2 anni fa siamo riusciti a fermare il parroco con oltre 200 firme, vediamo ora quante ne serviranno per riesumare e restaurare l’opera del Maestro Rosati?”.

giovanni paolo e mario rosati

Il gesto desta disappunto e sconforto anche per le modalità di occultamento del dipinto, il quale rischia di restare danneggiato dall’eventuale rimozione delle assi, applicate infilzando la superficie dell’affresco con chiodi di vario spessore.

regina pacis interno

Cerca anche

accampamento in piazza

Ostia, giovedì CasaPound alla stazione Lido Centro contro il degrado. Marsella, istituzioni intervengano su accampamento in piazza o lo faremo noi

Roma, 28 giugno – “Sono ormai mesi che alcuni stranieri si sono accampati tra le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *