Home / Cronaca / Ostia e Sant’Ippolito: tre uomini finiscono in manette dopo aver derubato negozi

Ostia e Sant’Ippolito: tre uomini finiscono in manette dopo aver derubato negozi

Roma, 21 marzo 2016 – Tre rapinatori, autori di due colpi in altrettanti esercizi commerciali, sono stati arrestati ieri dalla Polizia di Stato ad Ostia ed a S. Ippolito.

Nel primo caso si è trattato di una rapina eseguita da un 42enne romano che, dopo essere entrato all’interno di una rivendita di prodotti surgelati come un normale cliente, si è avvicinato alle casse e, aggredita e scaraventata in terra una dipendente, ha afferrato l’incasso fuggendo subito dopo.

Il malfattore è stato poi, però, rincorso da una pattuglia del Commissariato Lido di ronda nelle vicinanze, a bordo della quale vi era anche il dirigente Rossella Matarazzo, che dopo aver notato il trambusto non ha esitato a inseguirlo. L’uomo è stato dunque raggiunto e bloccato in via dei Bragozzi con ancora in mano le banconote rapinate, per quasi 200 euro. Per lui, pertanto, è scattato l’arresto per rapina.

Ma nella stessa giornata anche altre due persone sono finite in manette, ad opera questa volta degli agenti del Commissariato S. Ippolito. I poliziotti, nel corso dei consueti servizi di contrasto ai reati di microcriminalità, transitando su via di Pietralata davanti ad un negozio di prodotti per la casa, hanno notato all’interno del locale dei movimenti sospetti. Fermata l’auto, si sono subito diretti verso l’esercizio commerciale dove due persone, armate di coltello, avevano appena rapinato l’incasso per circa 500 euro ed erano in procinto di fuggire. Prontamente bloccati, sono risultati essere due romani di 19 e 39 anni. Le indagini sul loro conto non sono comunque ancora concluse. Gli investigatori sospettano infatti che possano essersi resi protagonisti, nel recente passato, di episodi analoghi.

Fonte della notizia: Corriere di Roma

Cerca anche

tranciato-striscione

Sradicato lo striscione che a Ostia Antica-Saline annunciava la Festa della Birra

Non si conoscono gli autori del gesto che due settimane fa ha visto uno striscione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *