Home / News / Ostia, tassa di soggiorno ai bagnanti non romani: il ministero dice no

Ostia, tassa di soggiorno ai bagnanti non romani: il ministero dice no

Il Campidoglio non può pretendere il pagamento della tassa di soggiorno ai bagnanti non romani. Quindi da oggi, niente più esibizione di documenti nè discriminazioni sulle spiagge di Ostia. L’indicazione è arrivata dal Ministero dell’Economia direttamente al sindaco Gianni Alemanno. L’accesso all’arenile e l’acquisto di servizi balneari non configura la condizione di ricettività turistico-alberghiera e pertanto non si tratta di un soggiorno. Non sarà più necessario distinguere all’ingresso degli impianti tra residenti e non residenti. In ogni caso la Giunta capitolina ha deciso di mantenere nel bilancio la somma di 50 mila euro preventivata su questo capitolo per l’estate 2011. I gestori si autotasseranno e destineranno spontaneamente il contributo. «Non ne so nulla commenta Rosella Pizzuti del sindacato balneari Sib A dire il vero sinora nessuno straniero si è mai lamentato di pagare. Verseremo noi gestori quella quota e potremo rivendicare a giusta causa reinvestimenti per il litorale. Ci riuniremo per stabilire la suddivisione procapite del contributo». «Il versamento volontario va bene aggiunge Renato Papagni, presidente dell’Assobalneari purchè si mantengano le prerogative originarie ovvero che il 5 per cento della tassa di soggiorno sia reimpiegato per la promozione turistica». Intanto la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha approvato un emendamento che annulla il diritto di superficie per 20 anni ovvero la cessione degli arenili ai gestori senza bando pubblico. Dal 2016 le spiagge verranno messe all’asta come previsto dalle norme comunitarie.

Fonte notizia Il Messaggero

Cerca anche

striscione CasaPound basta degrado

Ostia, CasaPound allestisce accampamento sotto al municipio: stasera manifestazione contro il degrado a Lido Centro

Roma, 30 giugno – Coperte, cartoni, sedie, un ombrellone ed uno striscione che recita «basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *