Home / News / Polemica sui parcheggi a pagamento: la bollente estate di Ostia
notizie_PARCHEGGI PAGAMENTO

Polemica sui parcheggi a pagamento: la bollente estate di Ostia

Atac e cittadini da una parte, Comune di Roma e XIII Municipio dall’altra. La questione relativa ai parcheggia a pagamento sul lungomare di Ostia continua a far discutere.

L’estate di Ostia e di tutto il mare di Roma si preannuncia bollente. Questa volta non si tratta del caldo portato da ‘Scipione’ ma della questione parcheggi a pagamento che continua a far discutere XIII Municipio, Atac, Comune di Roma e comitati di cittadini. La data di applicazione delle tariffe scatterà non prima del 30 giugno e c’è il rischio che la mannaia dei parcheggi a pagamento sul lungomare si abbatterà presto sui cittadini e sui turisti di Ostia.

La commissione di valutazione ha finito il proprio lavoro il 31 maggio ma l’esito del bando di gara non è stato ancora pubblicato all’Albo Pretorio di Roma. Tra ricorsi e bandi riscritti, la vicenda dei parcheggi a pagamento va avanti portando con sè una lunga coda di polemiche. Oltre i cittadini, però, è scesa in campo anche Atac che ha presentato ricorso contro il bando dei parcheggi sul lungomare. I motivi del ricorso di Atac riguardano in particolare la ”mancata autorizzazione da parte dell’amministrazione centrale” e ”la rivendicazione dell’esclusiva sulla gestione della sosta su strada”.

Se l’Atac ha presentato ricorso al Tar, il Comune di Roma e in particolare l’Assessorato alla mobilità e al trasporto, con una nota ufficiale, si schiera dalla parte del XIII Municipio sottolineando che nessuno ha mai richiesto ”l’obbligatorio parere preventivo”. La già tanto contestata gara d’appalto voluta dal presidente del municipio Giacomo Vizzani vedrà nel 4 luglio il giorno fatidico in cui il Tar del Lazio terrà l’udienza per esaminare la richiesta di sospensiva presentata dall’Atac contro il XIII Municipio.

A denunciare ”gravi irregolarità” ci pensa anche il Comitato Civico 2013: ”Il bando di gara sui parcheggi a pagamento del lungomare di Ostia ha violato in primis il Piano Generale del Traffico Urbano adottato per il XIII Municipio e neppure ha tenuto in considerazione che ben 5 lotti su 21 ricadono in zone di particolare rilevanza urbanistica. Questo ultimo aspetto doveva inoltre essere autorizzato in via preventiva proprio dal VII Dipartimento, a cui invece non è mai giunta alcuna richiesta. Abbiamo adesso la certezza che il minisindaco Vizzani ha commesso, violando precise norme di legge e di regolamento, un abuso d’ufficio (articolo 323 del codice penale) arrecando ai cittadini di Roma un danno ingiusto. Attenderemo 3 giorni dalla data di questo comunicato stampa per ricevere l’adesione alla nostra iniziativa da parte delle forze politiche di opposizione, dopodichè procederemo da soli. Scandaloso il silenzio della Polizia Municipale che per prima avrebbe dovuto segnalare tali irregolarità. Pronte altre denunce”.

Fonte notizia Romatoday

Cerca anche

riqualificaquattro

X Municipio: CasaPound riqualifica parco di via W. Ferrari all’Infernetto

Roma, 2 luglio – “Questa mattina una trentina tra volontari di CasaPound e residenti del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *