Home / News / Pomezia: Casapound, chiudere subito centro di accoglienza a Santa Palomba
10983388_696269950490475_1508940174002891553_n

Pomezia: Casapound, chiudere subito centro di accoglienza a Santa Palomba

“Ennesima protesta degli immigrati che sono scesi in strada, ieri mattina in Via Fiorucci, perché ancora non riconosciuto lo status di rifugiati politici a distanza di mesi dal loro arrivo. Fucci deve fare chiarezza su una situazione a dir poco paradossale quella che sono costretti a vivere i cittadini di Santa Palomba”. Lo ha dichiarato in una nota Luca Marsella, responsabile di CasaPound Italia sul litorale romano, in merito a ciò che è avvenuto lunedì scorso al centro di accoglienza di Santa Palomba, nel Comune di Pomezia.” I cittadini di questo quartiere sono stati abbandonati dalle istituzioni – continua Marsella – quello che si vede quotidianamente per le strade di Santa Palomba ha dell’incredibile, un quartiere martoriato dal degrado, tra innumerevoli rifiuti o le decine e decine di prostitute che si possono trovare sin dalla mattina per le strade, ed ora a preoccupare gli abitanti, è anche il centro d’accoglienza Residence 3C – ha spiegato poi Marsella – dove i migranti entrano ed escono senza controllo, dove ancora ad oggi non sappiamo effettivamente queste persone chi sono e da dove vengono.Noi crediamo che come tanti altri centri d’accoglienza di tutta Italia, questa struttura sia solo un modo come un altro di speculazione sull’immigrazione e ci da conferma di questo proprio il nome della cooperativa indicata alla gestione della struttura che, guarda caso, è la cooperativa sociale Domus Caritatis finita anche lei nell’inchiesta di Mafia Capitale – conclude poi la nota – continueremo la nostra battaglia su questo tema per le strade insieme alla gente, la nostra raccolta firme per la chiusura del centro d’accoglienza andrà avanti e ribadiamo per l’ennesima volta che l’amministrazione dovrebbe occuparsi di garantire al comune servizi sanitari all’altezza, scuole, servizi sociali, asili e che strutture come quelle del Residence 3 C siano utilizzate per tutte le famiglie italiane in grave emergenza abitativa, prima di occuparsi di profughi e prendere decisioni senza alcuna partecipazione dei cittadini.affidata dalla Prefettura alla cooperativa sociale Domus Caritatis, finita nell’inchiesta Mafia Capitale”.

per info:
Luca Marsella 3479580248
Carlotta Chiaraluce 3471267990

Cerca anche

cilea

X Municipio, volontari di CasaPound riqualificano rotatoria via Cilea ad Infernetto

Roma, 18 giugno – “Questa mattina una ventina di volontari di CasaPound sono intervenuti per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *