Home / News / Protesta sulla chiusura del tribunale e Giudice di pace di Ostia

Protesta sulla chiusura del tribunale e Giudice di pace di Ostia

Il movimento Italia Garantista mobiliterà Ostia ed il XIII Municipio di Roma per impedire la chiusura degli uffici del Giudice di Pace della sezione distaccata del Tribunale di Roma. E’ contro ogni logica depotenziare gli uffici giudiziari preposti al controllo di legittimità delle azioni promosse da banche o da Equitalia contro i cittadini.

Il Presidente del Movimento Nazionale Italia Garantista On. Pier Paolo Zaccai dichiara battaglia contro la preannunciata chiusura della Sede Distaccata del Tribunale di Ostia e del Giudice di Pace di Ostia.
Questa assurda decisione, confermata con decreto legislativo dall’attuale Governo Monti, ha come obiettivo lo smantellamento di efficienti Circoscrizioni Giudiziarie, con l’inevitabile compressione del diritto di difesa di quasi 300.000 abitanti residenti nel territorio di Ostia e del XIII Municipio di Roma!
Per comprendere compiutamente quali saranno gli effetti di questa deprecabile riforma, prosegue l’On. Zaccai, basti pensare che i cittadini di Ostia non potranno più opporsi – nelle sedi istituzionali di Via Fabbri Navali e di Via Costanzo Casana- alle famigerate “cartelle pazze” inoltrate da Equitalia o a multe illegittime o, ancor peggio, alle azioni esecutive promosse dalle Banche, non consentendo più ai Giudici assegnati a questo territorio il necessario controllo giurisdizionale che rende effettivo il diritto di difesa sancito dall’art. 24 Cost.
Ancora una volta si deve registrare un provvedimento contro gli interessi dei cittadini, in nome di un falso “efficientismo” o della razionalizzazione delle risorse; ciò è tanto più vero se si considera che le sedi giudiziarie colpite da questo assurdo decreto legislativo, negli anni in cui hanno funzionato, hanno mostrato di amministrare la giustizia secondo i criteri di buon andamento ed imparzialità.
E’ quindi necessario che la cittadinanza si opponga a riforme che, cadendo dall’alto, intacchino pesantemente i diritti fondamentali dei cittadini, favorendo, per converso, “poteri forti” come Banche o Istituti di riscossione come Equitalia.
Il depotenziamento di questi Uffici è certo se, come previsto dal testo legislativo, il personale amministrativo sarà ricollocato presso altri uffici giudiziari, e, comunque, riallocati presso analoghe strutture in misura inferiore.
Tutto questo, ancor più assurdo, passa nel silenzio generale di una “politica” ormai lontana anni luce dai cittadini nonostante dichiarazione di intenti di segno opposto.
Per questo i delegati territoriali del Movimento Italia Garantista, si mobiliteranno con banchetti, volantinaggio, raccolta firme, petizioni online e persino mediante il social network facebook.
Ed ancora, prosegue l’On. Zaccai “ darò corpo a questa protesta utilizzando tutti i canali mediatici possibili relazionandomi con le associazioni di categoria presenti sul territorio, tenendo conferenze stampa alle quali saranno invitati Deputati e Senatori, di ogni colore politico, attenti alle esigenze della cittadinanza”; se sarà necessario “ presenterò una interrogazione parlamentare lamentando le ricadute negative in termini di ordine pubblico derivanti dall’improvvisa soppressione di sedi di giustizia, dove peraltro si esercita anche l’azione penale.
Conclude l’On. Zaccai “chiederò un incontro col Sindaco Alemanno perché, come previsto nel citato decreto legislativo, questo si impegni a trovare la copertura finanziaria necessaria alla prosecuzione dell’amministrazione della giustizia nel XIII Municipio”.
Cons. prov. Gruppo Misto
On. Pier Paolo Zaccai

 

Cerca anche

striscione CasaPound basta degrado

Ostia, CasaPound allestisce accampamento sotto al municipio: stasera manifestazione contro il degrado a Lido Centro

Roma, 30 giugno – Coperte, cartoni, sedie, un ombrellone ed uno striscione che recita «basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *