Home / Ambiente / Punteruolo rosso: salve le palme di viale della Vittoria
palme

Punteruolo rosso: salve le palme di viale della Vittoria

Il ringraziamento dei cittadini alla ditta Primaverde che ha effettuato il trattamento.

Nell’indifferenza generale le palme di Ostia stanno morendo una dopo l’altra, colpite dal famelico punteruolo rosso. Con l’unica eccezione delle palme di viale della Vittoria, salve grazie al trattamento preventivo effettuato nei giorni scorsi dalla ditta Primaverde. Ed è a questa azienda che il CdQ Parco della Vittoria-Silvio Messina rivolge un pubblico ringraziamento. Un ringraziamento per essersi fatti carico di questa spesa prendendo a cuore il problema e “adottando” le piante. Di nuovo,  a distanza di qualche mese, gli operai hanno effettuato un ulteriore trattamento preventivo. “E’ una lezione di grande civiltà e di amore per la città che non può passare sotto silenzio”, ha commentato Alessandra Perlusz, presidente del CdQ.  Per il resto, a Ostia la situazione è drammatica: decine e decine di palme da Levante a Ponente giacciono morte o malate, con il fusto afflosciato. Ed i comitati cittadini, da un capo all’altro della città, invocano interventi e trattamenti antiparassitari. Questi ultimi sarebbero meno costosi rispetto alla stessa rimozione delle piante ormai condannate: basterebbe infatti intervenire con la prevenzione per salvarle. In piazza delle Repubbliche marinare, in via delle Azzorre, per esempio, è tutto e solo un desolante cimitero. Per le palme del Lido sembra non esserci scampo. L’attacco del punteruolo rosso, il vorace coleottero che divora le piante partendo dall’interno del tronco, ha dimostrato la sua potenza devastante essiccando le palme simbolo di Ostia. Proseguono intanto le segnalazioni dei cittadini su questo pericolo incombente: viene da chiedersi se sia possibile intervenire per salvarle, nonostante si debba riconoscere che la rapidità della malattia difficilmente lascia scampo. L’unica soluzione, come più volte richiesto dagli specialisti, è la prevenzione, anche se forse è tardi. Con  un bruttissimo colpo per l’immagine di Ostia.

Fonte notizia il Faro

Cerca anche

20150316_172824

Marsella (Casapound), giro con i residenti a Dragona tra degrado e insediamenti Rom

“Ieri pomeriggio, accompagnati da alcuni residenti, siamo stati a Dragona per documentare la presenza di …

Un commento

  1. Punteruolo Rosso – Prevenire è meglio che curare

    Sul mercato si stanno diffondento molte tecniche per combattere l’infestazione delle palme da parte del Rhyincophorus Ferrugineus, chiamato anche Punteruolo Rosso.

    Tutti i metodi fino ad oggi diffusi si sono rivelati insufficienti a sconfiggere il problema, in ogni caso, se si riesce a disinfestazione la pianta, non è possibile abbandonare la cura perchè l’insetto potrebbe tornare la settimana seguente e reinfestare la palma.
    Questo comporta quindi un onere periodico e, nel caso di trattamenti chimici antiparassitari, un apporto continuo di prodotti tossici sul terreno e nell’ambiente circostante.
    Il problema principale è quindi mantenere distante il punteruolo rosso dalle palme.
    Il metodo c’è ed è stato presentato dal responsabile Ricerca e Sviluppo di Freebionergy, Luigi Vantangoli, ai Convegni di Sanremo “Dies Palmarum”, l’evento più importante a livello europeo che si dedica al problema, e al 2° Incontro Internazionale PHYTOMA-Valencia (Spagna) il convegno trattava anche della normativa europea in vigore per contrastare il progredire di questo parassita.

    Si chiama QUANTUM PALMA

    Quantum Palma è l’unico metodo preventivo che protegge le palme dall’attacco dei parassiti, in particolar modo del punteruolo rosso, e in modo completamente naturale, è un dispositivo che opera a livello ambientale, utilizzando solo energie naturali.
    Nel suo raggio d’azione, che arriva fino a 60 metri, coprendo una superficie di oltre un ettaro, il Quantum Palma provvede ad energizzare le piante mantenedole una polarità magnetica in grado di respingere l’insetto.
    La messa a punto ha richiesto uno studio di esperti per oltre sei mesi.
    E’ in commercio da febbraio 2010. Nei siti nei quali è stato installato non si sono più presentate nuove infestazioni.
    Non ha alcuna controindicazione per persone, animali e piante. L’incidenza di costo, per pianta, può diventare veramente irrisorio.
    Riteniamo quindi di poter affermare che Quantum Palma ha dimostrato un elevato grado di affidabilità
    Ribadiamo che si tratta di un metodo preventivo e non curativo. E’ efficace per palme sane e per quelle disinfestate con i metodi prima citati.
    Non ha bisogno di alcuna manutenzione ed è garantito per due anni.
    Maggiori informazioni si possono trovare nel sito http://www.freebioenergy.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *