Home / Cronaca / Rapinatore catturato e ferito a Ostia la sua auto usata come trappola
Vedendosi senza via d’uscita, estrae la pistola per sparare ai carabinieri, ma uno di loro lo precede, ferendolo al torace. È accaduto intorno alle 10 di mercoledì 2, in via delle Sirene a Ostia. L'uomo, Rinaldo D. S. , 55 anni, potrebbe essere l'autore di una tentata rapina avvenuta il giorno prima ai danni di una banca nelle vicinanze del luogo della sparatoria.

Rapinatore catturato e ferito a Ostia la sua auto usata come trappola

Sorpreso da carabinieri appostati, l’uomo ha estratto la pistola per sparare, ma è stato preceduto da un militare.

ROMA – Vedendosi senza via d’uscita, estrae la pistola per sparare ai carabinieri, ma uno di loro lo precede, ferendolo al torace. È accaduto intorno alle 10 di mercoledì 2, in via delle Sirene a Ostia. L’uomo, Rinaldo D. S. , 55 anni, potrebbe essere l’autore di una tentata rapina avvenuta il giorno prima ai danni di una banca nelle vicinanze del luogo della sparatoria. Poco dopo il tentativo fallito, una «gazzella» aveva individuato l’auto usata dai malviventi, messi in fuga dall’allarme, parcheggiata appunto in via delle Sirene, di fronte al lungomare di Ponente.

TRAPPOLA INTORNO AUTO SOSPETTA – E’ stata così organizzata la trappola per ammanettare i banditi. Gli investigatori, a bordo di un auto-civetta, hanno atteso tutta la notte che qualcuno entrasse in macchina. Quando finalmente è arrivato, i carabinieri si sono avvicinati per ammanettarlo. Ma il presunto rapinatore ha prima tentato di speronare l’auto dei carabinieri, quindi – quando si è accorto di essere senza possibilità di fuga – ha puntato la pistola verso uno dei militari che ha fatto fuoco. Ferito all’addome, l’uomo è ricoverato al Grassi è non è in pericolo di vita.

Fonte notizia Corriere della Sera

Cerca anche

crollo cabine Nuova Pineta

Ostia, allarme erosione dell’arenile: crollo cabine in seguito a mareggiata

Maltempo, onde e vento forte. Disagi non solo in città, con alberi caduti e difficoltà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *