Home / Attualità / Regione e Asl Roma D difendono la Casa del Parto Acqualuce

Regione e Asl Roma D difendono la Casa del Parto Acqualuce

La Casa del Parto Acqualuce è aperta e perfettamente funzionante. Lo comunica, in una nota, l’Assessorato alla Salute della Regione Lazio che risponde alle voci sul mancato funzionamento del nosocomio.

L’Assessorato alla Salute della Regione Lazio risponde alle voci, pubblicate per mezzo stampa e non che descrivevano la Casa del Parto Acqualuce di Ostia “parzialmente chiuse e mal funzionante”. “La Asl Roma D – fa sapere una nota dell’Assessorato alla Salute della Regione Lazio – sta proseguendo ad aumentare il personale ostetrico al fine di garantire una maggiore capacità operativa di tutto il blocco parto dell’Ospedale Grassi, e quindi anche della Casa del Parto. Una ulteriore unita’ di personale ostetrico infatti è già in servizio e altre 4 entreranno in servizio dal 1° dicembre, cioè tra 2 giorni”.

La casa del Parto, ristrutturata più di un anno fa ed inaugurata sotto lo sguardo della presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, è quindi funzionante in tutti i suoi aspetti. “I lavori per la messa a norma della struttura inoltre – prosegue la nota – stanno proseguendo. E’ infatti utile ricordare che la Casa del Parto appena un anno fa era semplicemente una sperimentazione destinata, questa sì, a finire e a chiudere i battenti o a proseguire a colpi di proroga senza una chiara definizione all’interno del sistema sanitario regionale. Una dignità che le è stata invece restituita soltanto grazie all’impegno della presidente Polverini e degli uffici dell’Assessorato alla Salute che dopo mesi di lavoro, per la prima volta nel Lazio, ha definito i requisiti minimi per il parto in ambito extra-ospedaliero“, conclude la nota della Regione Lazio.

Fonte notizia Romatoday

Cerca anche

Premio Poesia Città di Fiumicino

Roma, 1° luglio 2016, Biblioteca Nazionale Centrale di Roma: presentazione finalisti Premio di Poesia Città di Fiumicino

Il prossimo 1° luglio 2016, dalle ore 16.30 alle ore 18.00, alla Biblioteca Nazionale Centrale di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *