Home / News / Roma: blitz di CasaPound, da Ostia a Infernetto centinaia di lanterne sulle buche delle strade del X Municipio
buche X Municipio 4

Roma: blitz di CasaPound, da Ostia a Infernetto centinaia di lanterne sulle buche delle strade del X Municipio

Roma, 23 Agosto – Centinaia di lanterne ad illuminare le buche delle strade del X Municipio. È quello che si sono trovati di fronte gli automobilisti la scorsa notte da Ostia all’Infernetto, da Acilia a Dragona.

Il singolare blitz è stato messo in scena da CasaPound Italia che spiega in una nota di “aver voluto mettere in luce, nel vero senso della parola, il disastro del dissesto stradale causato dall’incapacità dell’amministrazione locale. Oltre 400 incidenti in cinque mesi causati dalle buche – continua la nota – hanno portato la Procura ad aprire un’indagine sugli appalti e sui mancati interventi promessi dall’ex giunta Pd. Situazione che non è cambiata con la guida del delegato Sabella e su cui abbiamo voluto porre l’attenzione. Lo slogan della campagna elettorale scorsa del centrosinistra era ‘ogni buca, una ferita’: oggi Ostia è morta dissanguata sotto i colpi del malaffare e del fallimento dell’ex presidente Tassone e di un sindaco Marino inadeguato che ha messo le radici su quella poltrona. Basti pensare che in una notte siamo riusciti a posizionare oltre 200 lanterne evitando di lasciarle dove avrebbero creato disagio agli automobilisti. La soluzione a tutto questo? Nuove elezioni – rispondono da CasaPound – perché siamo certi che i cittadini manderanno a casa i corrotti ed il malaffare, che sono la vera causa di questa emergenza, meglio di qualsiasi commissario”.

Per info: Luca Marsella 3479580248

buche X Municipio 1

buche X Municipio 2

buche X Municipio 3

buche X Municipio 4

buche X Municipio 5

Cerca anche

striscione CasaPound basta degrado

Ostia, CasaPound allestisce accampamento sotto al municipio: stasera manifestazione contro il degrado a Lido Centro

Roma, 30 giugno – Coperte, cartoni, sedie, un ombrellone ed uno striscione che recita «basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *