Home / Attualità / Roma-Lido Pendolari irritati: «Tre mesi di ritardi»

Roma-Lido Pendolari irritati: «Tre mesi di ritardi»

Chiuse da martedì tre stazioni: funziona il servizio sostitutivo su gomma, ma gli utenti lamentano scarsa informazione e tempi di percorrenza allungati.

Tre stazioni, quelle di Stella Polare, Castelfusano e Cristoforo Colombo, chiuse a partire da ieri sino a metà febbraio del prossimo anno. E migliaia di utenti costretti ogni giorno, per tre mesi almeno, a salire e scendere dagli autobus che effettuano servizio sostitutivo da e per la stazione di Lido Centro.
Proteste e stupore tra molti dei passeggeri che non erano informati del cambio. davanti alla stazione di Cristoforo Colombo, un cartello appeso alle grate chiuse, nelle altre stazioni addetti Atac con volantini: «Però io non sapevo niente» dice una signora. Una religiosa chide all’ispettore Atac: «Ma per arrivare a Stella Polare come faccio?».

DISORIENTATI – Non sono pochi i viaggiatori disorientati. Qualcuno non ne sapeva niente, come confessa un’impiegata: «Non mi sono neppure alzata prima, credevo ci fosse servizio regolare sulla Roma-Lido. Adesso arriverò tardi al lavoro». Un gruppo di studentesse di Acilia lamenta l’alzataccia per arrivare in orario a scuola: in realtà con il servizio sostitutivo – se non c’è traffico – ci vogliono solo 20 minuti in più, ma per chi già si alza presto con l’incubo della campanella sono già troppi.
Non bastasse, i 12 mila pendolari che ogni giorno (secondo le stime Metro-Atac) frequentano questa linea tra la circoscrizione più periferica della Capitale e il centro di Roma, dovranno affrontare altri problemi.

NIENTE CORSE NOTTURNE – Interrotto anche il servizio notturno – dalle 21 e 30 – fra Acilia e Ostia Centro. E ci saranno «rallentamenti obbligati» del trenino – non oltre 20 all’ora in certi tratti, ma questo è un problema che va avanti da mesi – nei pressi di Piramide e Magliana. I pendolari che quotidianamente utilizzano la Roma-Lido già lamentano i pesanti disagi iniziati ieri e originati dall’apertura di 2 cantieri: il primo all’altezza del viadotto sul canale dei Pescatori (un ponte degradato da rifare) e il secondo nei pressi di Ostia Antica, sulla massicciata in prossimità di un collettore fognario. Lavori di ristrutturazione, soprattutto per il ponte che è pericolante e che attende, da almeno un decennio, la risistemazione.

PIANO EFFICACE – Martedì mattina è scattato il piano di trasporto sostitutivo: sono 8 i bus in servizio dal «capolinea» di Cristoforo Colombo sino a Lido Centro, la prima stazione aperta dopo la fila di quelle divenute «off-limits». Imponente ed efficace, la mobilitazione di vigili e personale Atac mirata ad evitare disagi: le auto della municipale hanno scortato i torpedoni – tutti con la scritta luminosa «servizio navetta» ben visibile sopra al lunotto – lungo il percorso, per evitare rallentamenti.
Davanti alle tre fermate chiuse, personale Metro informava gli utenti ancora all’oscura della novità. «Sino a pochi giorni fa non sapevamo nulla – s’arrabbia Andrea Angeletti, presidente del Comitato pendolari – e soltanto da venerdì il XIII municipio e le aziende trasporti hanno distribuito i volantini con le notizie necessarie per ridurre il disservizio».

NIGHT SHUTTLE – Oltre a quella sul tratto Colombo-Lido Centro, c’è il night shuttle: un’altra «navetta» in servizio dalle 21, lungo i 10 chilometri tra Acilia e Ostia. Il servizio alternativo è parso funzionare, «ma salire sul bus, scendere e risalire sul treno vuol dire impiegare almeno venti minuti in più», è la lamentela di una signora olandese che vive a Ostia «praticamente da sempre».
Molti passeggeri, poi, sono preoccupati dal rientro alla sera: «Per ragioni di lavoro mi capita spesso di rincasare dopo le 21 –racconta un dipendente ministeriale -. Il che è equivale a dover scendere ad Acilia per prendere il bus. Tutto tempo perso inutilmente». Su un documento Metro, Angeletti conteggia infine il numero dei rallentamenti obbligati lungo la Roma-Lido: «Sono sette, su un percorso di 27 chilometri. Su un percorso che viene definito servizio metropolitano».

Fonte notizia Corriere della Sera

Cerca anche

Roma, X Municipio: sabato CasaPound in sei piazze per dire no al referendum

Roma, 25 ottobre – Sabato in sei piazze del municipio di Ostia per dire no …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *