Home / Roma News / Vediamo se il Papa ha un cuore

Vediamo se il Papa ha un cuore

Dopo i risultati della perizia che accerta il nesso tra la presenza delle antenne e le leucemie nei bambini, il documento di quasi 400 pagine che ha impegnato per cinque anni gli esperti, i genitori delle piccole vittime scrivono a Benedetto XVI chiedendo di spegnere i ripetitori. Una lettera accorata di padri e madri ‘provati dal dolore’, dai lutti e dalla malattia dei figli. Si sono uniti nel comitato “Bambini senza onda” e oggi si appellano al Pontefice. Ecco cosa scrivono.

Santità
noi, che oggi ci permettiamo di rivolgerci alla Sua Santità, siamo genitori provati dal dolore per i nostri figli. Alcuni di noi se li sono visti strappare in tenera età dalla leucemia infantile, altri, più fortunati, hanno visto loro negata la serenità dell’infanzia, trascorsa tra ospedali e delicati interventi. È notizia di questi giorni che un accertamento tecnico, condotto in una sede giudiziaria con spirito neutrale ed animo sereno da un esperto scelto da un giudice terzo, ha rilevato l’evidenza scientifica che la vicinanza delle nostre abitazioni agli impianti di Radio Vaticana ha contribuito ad aumentare il rischio di ammalarsi per i nostri figli, troppo a lungo esposti, inermi ed inconsapevoli (alcuni ancora nel grembo materno), alle insidie sconosciute delle onde elettromagnetiche che scaturivano dalla quella stazione radio.

Non abbiamo né la presunzione né la competenza per intrattenerLa sulle problematiche tecniche che la complessa questione investe e tanto meno Le richiediamo di prendere posizione sulle responsabilità individuali oggetto del procedimento penale in corso. Le chiediamo, tuttavia, che la Chiesa non rimanga sorda all’allarme che, oggettivamente, l’esito di questo autorevole accertamento diffonde e che eviti, per il futuro, il rischio di concorrere a causare una maggiore diffusione della leucemia infantile.

Le chiediamo, Santità, in ragione del medesimo senso di umana partecipazione che ha sempre ispirato i Suoi atti, di voler valutare l’opportunità di sospendere l’utilizzazione degli impianti di Santa Maria di Galeria almeno fino a quando non sia maturato nel mondo scientifico una ragionevole certezza sugli effetti delle onde elettromagnetiche sui bambini. Una misura provvisoria che, con il ricorso ad alternative e non meno efficienti tecnologie, non impedirebbe alla Chiesa di raggiungere i suoi fedeli sparsi nel mondo ma che con certezza potrà evitare che un domani tornino ad essere attuali, rivolte ad altri genitori, le Sue stesse parole: “molti di voi avete sperimentato che, quando eravate sufficientemente coraggiosi per parlare di quanto vi era accaduto, nessuno vi ascoltava … è comprensibile che voi troviate difficile perdonare o essere riconciliati con la Chiesa”.

Con fiducia nel Suo paterno ascolto, Le inviamo i nostri sentimenti di filiale devozione.

A nome dei genitori dei 19 bambini colpiti dalla leucemia nei dintorni di Radio Vaticana

Cerca anche

raccolta_firme

Legittima difesa: Idv, superate 300mila firme per proposta legge

“Dal Veneto alla Calabria, dalla Val D’Aosta alla Sicilia: la proposta di legge popolare dell’Italia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *