Home / News / X Edizione del RomaScuoleInFolk – Festival danze senza frontiere
danzepopolari

X Edizione del RomaScuoleInFolk – Festival danze senza frontiere

La X edizione della manifestazione di danza popolare: RomaScuoleInFolk si terrà mercoledì 28 maggio al Palafijlkam di Ostia (stazione Castelfusano della Roma-Lido).
Patrocinata dal municipio di Ostia X (ex XIII) , l’iniziativa è aperta a tutte le scuole di ogni ordine e grado che, dapprima sfileranno davanti al pubblico, e poi si esibiranno nelle danze preparate per l’occasione. La festa continua nel pomeriggio, all’esterno del palazzetto tutti i partecipanti: ragazzi disabili, bambini, maestre, genitori, anziani e volontari balleranno insieme le danze della festa.
La X edizione prevede la partecipazione di oltre 4.000 persone tra bambini ed adulti di cui circa 1000 studenti provenienti da tutta Italia. La manifestazione pone particolare attenzione alla dimostrazione pratica di quanto la danza popolare possa facilitare la piena integrazione dei bambini disabili e dei bambini stranieri.Gli ospiti d’onore, come in tutte le edizioni, sono i ragazzi disabili dell’ Associazione Hagape 2000 di Garbatella Roma. In questa occasione avremo anche l’esibizione di un gruppo di anziani e di un gruppo di ”genitori coraggiosi”, e, come nelle ultime due edizioni, avremo bambini dell’asilo nido (2-3 anni), dall’Umbria e da Roma, che si esibiranno insieme alle educatrici.
L’evento è realizzato con il patrocinio di:
 X Municipio del Comune di Roma (ex XIII)

Direttore artistico e Presidente Cerchio dell’Amicizia onlus
(Paola Pagliani)

Per informazioni: 3935022394
Mail teresa.compagnone@alice.it –
Sito internet dedicato: www.romascuoleinfolk.sitiwebs.com
sito ufficiale: www.danzepopolari.com.
Per il Cerchio dell’Amicizia
Teresa Compagnone (addetto stampa)

Cerca anche

striscione CasaPound basta degrado

Ostia, CasaPound allestisce accampamento sotto al municipio: stasera manifestazione contro il degrado a Lido Centro

Roma, 30 giugno – Coperte, cartoni, sedie, un ombrellone ed uno striscione che recita «basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *