Corriere Ostia Retake Roma Ostia pianta nuovi alberi in via delle Azzorre

Retake Roma Ostia pianta nuovi alberi in via delle Azzorre ad Ostia. Un’iniziativa di vitale importanza per valorizzare al meglio l’ambiente, visti soprattutto i numerosi incendi che negli ultimi anni hanno distrutto gran parte della vegetazione del nostro territorio.

Retake Roma Ostia è un movimento no profit di cittadini che si occupa di promuovere il decoro urbano e l’orgoglio civico. In un momento particolare per il nostro Paese era necessario trasmettere un segnale di speranza alla collettività. E quale modo migliore per realizzare lo scopo se non quello di piantare nuovi alberi nel territorio ostiense?

La scelta degli alberi è stata tutt’altro che casuale. Tra le specie arboree che hanno letteralmente “messo le radici” in via delle Azzorre ci sono infatti l’alloro e la canfora.

L’alloro è una pianta molto diffusa nella macchia mediterranea del territorio ostiense: ne esistono infatti diverse specie nella tenuta di Procoio e nella pineta delle Acque Rosse. L’alloro ha una caratteristica peculiare: quella di poter ricrescere entro poco tempo anche in caso di distruzione da parte di incendi. Una proprietà non di poco conto, considerando quanto avvenuto recentemente nel nostro territorio.

La canfora ha un valore emblematico nella cultura giapponese, essendo considerata simbolo di pace e rinascita. Una sorta di denuncia alle continue distruzioni dell’ambiente circostante da parte dell’uomo. Due sono le caratteristiche peculiari di questa pianta: la longevità e la forza. La canfora può infatti raggiungere il cinquecentesimo anno di vita. Inoltre è stata una delle rare piante a germogliare nuovamente dopo il catastrofico bombardamento di Hiroshima durante la Seconda Guerra Mondiale.

Sono stati in molti a prendere parte a quest’opera di rinnovamento del territorio con l’intento, racchiuso nello slogan “Chi pianta un albero, pianta una speranza”, di restituire una notevole dose di fiducia alla collettività, soprattutto in un periodo in cui la parola “speranza” appare intrisa di una forte connotazione utopica.

Hanno organizzato e preso parte all’evento i rappresentanti delle diverse associazioni, ovvero: Leandra Gargiulo (presidente Retake Roma Ostia); Dino Tarquinio (presidente dell’Associazione Doggy dog Park 2010 Onlus); Marco Severa; Vincenzo Giojelli (presidente Cdq Lido Centro); Alfonso Battista, Fabio Nappi, il gruppo “Salviamo la Riserva di Procoio”, Giorgia Garbuggio, Robi Eva Sensini e Martina Di Razza.

A questi si aggiungono tutti i volontari presenti, il cui contributo è stato indispensabile per realizzare un progetto dal grande valore non solo ambientale ma anche simbolico.


Source link

About admin

Check Also

Corriere Ostia La Cassazione: ‘Il Clan Fasciani è la mafia di Roma’, ecco le motivazioni

La seconda sezione penale della Cassazione ha confermato: ‘Il clan Fasciani di Ostia è mafia’.  …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *