Home / Attualità / Corriere Ostia Sandra Milo torna a Ostia, città che la consacrò alla fama

Corriere Ostia Sandra Milo torna a Ostia, città che la consacrò alla fama

L’attrice e icona della tv Sandra Milo torna a Ostia, nella città che la consacrò alla fama sotto l’egida del grande regista Fellini (qui recitò in capolavori come “8 e 1/2” e “Giulietta degli spiriti”), venerdì 6 dicembre alle ore 17 nell’incontro di presentazione della raccolta delle sue poesie “Il corpo e l’anima” organizzato dall’Ass. Culturale Gioire presso lo spazio multimediale del Centro Medico Lightouch, in via Corrado del Greco, 54, dove ha sede l’Associazione. 

 

Noto volto della televisione e del cinema italiano, quest’anno Sandra Milo è stata insignita del Premio alla carriera al Festival di Montecarlo e al Festival di Berlino: l’amore per le scene non l’ha ancora abbandonata, sono infatti ancora numerose e proficue le sue partecipazioni teatrali (la commedia “Toc Toc” con la regia di Claudio Insegno, 2019) e televisive (il programma “Io e te” con Pierluigi Diaco e Valeria Graci, 2019), senza contare il nuovo film in arrivo.

Nel suo primo libro di poesie “Il corpo e l’anima” uscito in libreria lo scorso 12 settembre, con animo appassionato, grande tensione e parole gentili, Sandra Milo ci conduce per mano nel suo universo di sentimenti, desideri, dolori e rimpianti. Diciotto poesie che aprono una finestra sull’esistenza interiore di una personalità forte e significativa, ma capace di esprimere i sentimenti con autentica sincerità e sfrontatezza.

Passione, amore, attaccamento alla terra e malinconia emergono dai suoi versi, tra potenti suggestioni, tributi a illustri personalità (come la cara amica Marina Ripa di Meana scomparsa nel 2018, “Donna dai mille incanti/ chi più saprà/ sollevare il mondo/ sulla spuma della fantasia?”) e riflessioni su temi attuali, tra cui l’emigrazione: “E sopra di noi/ sotto il cielo/ appese ai capelli/ speranze/ di ignote terre/ accoglienti”.

Uno sguardo profondo si cela dietro metafore evocative, che scuotono e meravigliano: animali, piante, suoni, odori, un mondo materico che si disvela parola dopo parola in un ipnotico gioco dei sensi: “Qualche volta, di notte,/ nasce come un silenzio,/ improvviso e diverso/ un silenzio odoroso/ di altri profumi/ come di terre sospese./ E intorno a me/ leggere come piume/ si muovono arie gentili” (da Gli spiriti).

L’ingresso è gratuito previa prenotazione; con tesseramento associazione omaggio.


Source link

About admin

Check Also

Corriere Ostia anziane disperate dal freddo in casa, scrivono dei cartelli contro la Raggi

Si sta raggiungendo l’esasperazione nel quartiere di San Giorgio di Acilia, dove ormai da troppo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *