Ostia : Ostia, la Lega fa ostruzionismo contro il piano per il ripristino della legalità sulle spiagge e la messa a bando degli stabilimenti


La Lega fa ostruzionismo contro il nuovo piano di ripristino della legalità sul mare di Roma. E il Pd rischia di fare il suo gioco. Tanto che la sindaca Virginia Raggi, ieri mattina, ha dovuto recarsi a Ostia per provare a sbloccare il consiglio del Municipio X dove, da giorni, è calendarizzata la votazione del nuovo Pua, Piano di utilizzazioni degli arenili. Provvedimento fermo per le continue occupazioni dell’aula da parte di Lega e Fdi, vicini ai balneari. Un documento redatto grazie al contributo dell’ex commissario prefettizio, Domenico Vulpiani, arrivato a Ostia nel 2015 quando il governo Renzi decise di sciogliere per mafia il municipio, all’indomani dell’arresto del minisindaco dem Andrea Tassone, nell’inchiesta sul “Mondo di mezzo”.

Simbolo dell’illegalità sul litorale capitolino è il “lungomuro”, una cinta di cemento, inferriate e fabbricati abusivi che impedisce la visione mare dalla strada, lungo gran parte dei 18 km di lungomare. In realtà, il tema è molto più complesso. I balneari, partendo da concessioni minime, hanno moltiplicato abusivamente i loro fabbricati, trasformando piccoli chioschi e strutture rimovibili in ristoranti lussuosi con piscine, discoteche e campi sportivi. Il tutto, spesso con la compiacenza di funzionari municipali corrotti. In alcuni casi, gli stabilimenti erano gestiti direttamente dai clan.

Gli interventi dell’ex delegato al Litorale, Alfonso Sabella, i blitz dell’attuale capo della Polizia Locale, Antonio Di Maggio, e il lavoro del prefetto Vulpiani, hanno permesso negli anni di sanzionare gran parte degli 81 stabilimenti di Ostia, sebbene i balneari abbiano risposto presentando oltre 200 ricorsi al Tar del Lazio. Il Pua oggi serve per resettare il tutto, stabilendo nuove regole. Fra queste: recupero della visuale del mare per almeno il 50% del litorale, spiagge libere con o senza servizi per il 35%, spiagge destinate a pubblica funzione per il 50% e passeggiata lineare (libera) per un quarto della spiaggia. E ovviamente, bando immediato – una volta approvato dalla Regione Lazio – per tutti gli stabilimenti. “Continuiamo a lottare per dire basta a degrado e abusivismo e per riconsegnare ai cittadini il mare di Roma: la legalità prima di tutto”, ha detto ieri Raggi.

Certo, il piano ha qualche punto debole. Vi è previsto, infatti, il mantenimento degli “edifici storici” e altri dal “valore testimoniale”, categoria non prevista dalla bozza di Vulpiani. Fra gli stabilimenti “salvati” ci sono alcuni simboli dell’abusivismo ostiense. In particolare il ‘Tibidabo-Le Dune’ di Renato Papagni, ex presidente di Federbalneari, a processo insieme all’ex capo dell’Edilizia del Municipio X, Franco Nocera, per quasi duplicato i metri quadrati di spiaggia occupati rispetto alla concessione del demanio (18.600 contro 10.725). “È questo che lo rende invotabile”, attacca il consigliere capitolino del Pd, Giovanni Zannola. “Stiamo chiedendo le carte agli uffici per capire perché sono stati inseriti quegli stabilimenti fra i ‘testimoniali’”, hanno spiegato il capogruppo M5s, Antonio Di Giovanni e il consigliere, Francesco Vitolo: “L’approvazione, necessaria, del piano non ci impedirà di agire a posteriori per modificare i dettagli”. La Lega, che annovera l’ex assessore al Litorale ai tempi di Gianni Alemanno, Davide Bordoni, vorrebbe invece “coniugare i piani con le necessità di sviluppo del territorio”, facendo sponda dunque ai Balneari, che puntano da tempo al “rinnovo delle licenze” in cambio di “un ingente investimento in opere pubbliche”.

L’articolo Ostia, la Lega fa ostruzionismo contro il piano per il ripristino della legalità sulle spiagge e la messa a bando degli stabilimenti proviene da Il Fatto Quotidiano.


Source link

About admin

Check Also

Ostia : Ostia, piccioni decapitati nello stabilimento dove era prevista la visita di Virginia Raggi (poi saltata). Presentata denuncia contro ignoti

Dieci piccioni decapitati e lasciati sulla sabbia nello stabilimento gestito fino al 2014 dal cognato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *