Home / Curiosità / Il ritorno di One Love «Ragazzi dite addio ai rave»

Il ritorno di One Love «Ragazzi dite addio ai rave»

La conversione del dj Mauro Casazza, inventore dei megaraduni sulla spiaggia di Capocotta: troppo rischio e affollamento, meglio i beach party negli stabilimenti

«TROPPA GENTE, NON VA PIU’ BENE» – Oggi, 43 anni, gli stessi capelli rossicci che sono rasati quasi a zero e non più raccolti in una lunga coda di cavallo come una volta, il deejay annuncia una specie di sorprendente «conversione». «Se mi chiedessero di organizzare nuovamente quelle feste colossali – scandisce serio le parole – risponderei che “voi siete matti”. E direi di no. Troppo rischio, troppo affollamento. Non ne vale più la pena. Meglio i più tranquilli beach party dentro gli stabilimenti». Sarà. Ma i bar tra Ostia e l’Eur sono disseminati di «flyer» che annunciano le sue nuove feste all’Open Bar (presso l’elegante lido Nuova Pineta di Ostia Levante) mentre su Facebook la bacheca di One Love (la «griffe» dell’organizzazione musicale con cui Casazza radunava via sms il popolo della notte in riva al mare) moltiplica ogni ora il numero delle amicizie.

Uno dei raduni a Capocotta di One Love nel 2002
Uno dei raduni a Capocotta di One Love nel 2002

UNA NOTTATA MEMORABILE – L’appuntamento iniziale è previsto per la notte del 1° giugno, data che per la movida romana si preannuncia epica. In ballo c’è una specie di colossale sfida tra le discoteche più importanti di Ostia. Per tutto il litorale sono infatti previsti appuntamenti che dovrebbero ingigantire l’invasione del popolo della notte. Feste ovunque e per tutti i gusti. Beach party per i single, raduni per i fan della disco music anni 70. Funziona molto il tam tam sulla Rete, soprattutto sui net sociali che convocano raduni tipo i «botellon» di moda in Francia e Spagna: vale a dire gigantesche bevute di massa per le strade, magari davanti a comitive di turisti incuriositi. La scorsa estate una turbolenta avvisaglia, con schiamazzi e lanci di lattine tra comitive radunate via chat, si registrò al lungomare Vespucci, zona Castelporziano. Ma tutto finì tutto con l’arrivo dei vigili urbani.

I «CLONI» DI ONE LOVE – Sempre il 1° giugno qualcuno proverà a imitare Casazza proprio nella sua specialità: vale a dire organizzando un raduno a Capocotta che prende il nome di «Love to Love». Un altro evento, ma stavolta con «location» a sorpresa – forse individuata al palazzo dei Congressi all’Eur – vede protagonista Tiesto, il celeberrimo deejay olandese che spopola in grandi spazi riempiti con musica e scenografie in stile «Blade runner». La folta e agguerrita concorrenza pare non preoccupare troppo Casazza. «Sarei soddisfatto se il 1° giugno venissero ad ascoltare la mia musica 3 mila persone», racconta. Numeri che in altri tempi lo avrebbero portato a parlare di un mezzo fiasco e che invece adesso lo rassicurano. «Negli ultimi cinque anni è cambiato tutto. Il mondo della notte non è più lo stesso. Si accoltellano in feste con 200 persone e per garantire la sicurezza ci vogliono grossi investimenti. Per questo dico – ribadisce il deejay – che è meglio un evento con un numero di persone controllabile. Anche se, ci tengo a ricordarlo, alle feste che organizzai a Capocotta non si sono verificati mai problemi, nonostante fossimo arrivati a sfiorare le 20 mila presenze. Dimensioni che si erano fatte troppo consistenti, al punto da accendere l’interesse della politica. Per poter continuare, avrei dovuto schierarmi da una parte piuttosto che dall’altra. Mi tiravano per la giacchetta tutti e a quel punto ho detto “no grazie”, preferendo eclissarmi a Rio de Janerio, dove ho tenuto feste persino a Copacabana».

SI BALLA SINO ALLE 7 – Intanto sul litorale la movida è già esplosa. E nella notte tra sabato e domenica sono previsti molti appuntamenti. Come quelli all’Eisha (lungomare Lutazio Catulo, presso lo stabilimento la Pinetina) al Mami e allo Shilling (la Rotonda). Seppure non sia stato ancora ufficialmente approvato il regolamento sugli orari, l’orientamento del municipio di Ostia è quello di permettere la musica sino alle 7 di mattina. Tutti dentro le discoteche sino al mattino per non sostare troppo al di fuori durante la notte, impendendo il sonno a chi vive nei pressi del lungomare.

Fonte notizia Corriere.it (Alessandro Fulloni)

Cerca anche

Ikea - Kallax

Kallax: nuova linea di scaffali Ikea

Dopo l’enorme successo delle librerie Expedit, che, insieme a Billy e Kötbullar, sono entrate a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *