Home / Cronaca / Neonati a rischio all’ospedale Grassi
grassi

Neonati a rischio all’ospedale Grassi

Il dirigente Lucio Di Camillo, pone una domanda a chi gestisce il personale: “Possibile che le Infermiere siano obbligate a lavorare obbligatoriamente fino a 17 ore consecutive con dei neonati?

Nei mesi scorsi la UIL FPL ha denunciato la grave carenza d’organico nel reparto di Neonatologia e Patologia Neonatale del Grassi di Ostia. Ad oggi la situazione non è cambiata. “Avevamo chiesto di inviare personale per aumentare le unità in turno invece la situazione è peggiorata. Infatti – si legge in una nota di UIL FPL – mentre normalmente le unità per turno sono 3 ma dovrebbero essere secondo gli standard regionali almeno 4-5 stanotte è successo l’impensabile. Un’ Infermiera dopo un pomeriggio di lavoro è stata obbligata (dopo che un turno era scoperto da due giorni) a rimanere in servizio anche per la notte. Turno che non era stato coperto non si sà per quali motivi”.

“L’ infermiera spiega UIL FPL – durante il prolungamento del turno si è sentita male ed è dovuta andare a casa; rimanendo solamente due Infermiere ad assistere 22 neonati più 6 neonati in patologia neonatale(incubatrici).Le Infermiere prontamente hanno chiamato il Responsabile di turno per coprire l’unità mancante ma a nulla è servito. Una mole di lavoro impressionante che ha messo a serio rischio la salute dei neonati, per fortuna che non è successa la disgrazia, grazie alle due Infermiere eroiche che hanno professionalmente affrontato le difficoltà facendosi carico di una situazione inverosimile”.

La UIL FPL, tramite il dirigente Lucio Di Camillo, pone una domanda a chi gestisce il personale: “Possibile che le Infermiere siano obbligate a lavorare obbligatoriamente (neanche volontariamente) fino a 17 ore consecutive con dei neonati? Possibile che turni scoperti da due giorni non vengano coperti???? Perche’ non e’ stato inviato personale sufficiente ad evitare tali situazioni?”

Fonte notizia Romatoday

Cerca anche

crollo cabine Nuova Pineta

Ostia, allarme erosione dell’arenile: crollo cabine in seguito a mareggiata

Maltempo, onde e vento forte. Disagi non solo in città, con alberi caduti e difficoltà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *