Home / Attualità / Notturni, Udc-Cambiare Davvero: Proteste studentesche legittime
NOTTURNI

Notturni, Udc-Cambiare Davvero: Proteste studentesche legittime

“Proteste studentesche legittime ma non si violi l’interesse superiore del diritto allo studio”.

In merito alle proteste studentesche, che si stanno perpetrando nel XIII Municipio attraverso l’occupazione di sei plessi scolastici superiori ad opera degli studenti, si è pronunciato anche Giulio Notturni, rappresentante di Cambiare Davvero e responsabili giovani Unione di Centro:

“Legittimo e sacrosanto è il diritto di poter manifestare il proprio dissenso e la propria contrarietà a delle decisioni prese nelle sedi istituzionali, questo è l’enunciato su cui voglio incardinare un ragionamento per non generare equivoci o facili strumentalizzazioni. Il vero tema da analizzare è la modalità con cui, questo dissenso, viene manifestato; non ho la presunzione di insegnare niente a nessuno ma credo che la forma spesso diventi sostanza. Quello che secondo me stanno sbagliando gli studenti in questi giorni di occupazione è proprio il modus operandi di manifestare. Chi ha davvero rispetto dell'”Istituzione scuola”, chi davvero vuole difenderla da tagli e dalla progressiva declassazione in tema di qualità di erogazione del servizio, deve innanzitutto rispettarla: deve rispettare il valore assoluto che si prefigge di adempiere, “l’istruzione” dei giovani che avranno il compito di guidare il paese nelle diverse strade che ognuno di loro prenderà.

Non si può pensare – continua Notturni – di usare la scuola come una proprietà di cui disporre a piacimento, non si può discrezionalmente impedire a studenti di assistere alle lezioni, non si può impedire ai professori di espletare il proprio ruolo, il proprio lavoro, la propria vocazione. Non si deve cadere nell’errore di pensare di mortificare la più importante Istituzione di un paese civile, quella scolastica, bloccandone il servizio, mortificandola a bene privato di pochi che, senza legittimità ne occupano i locali e la svuotano della sua vocazione. E’ controproducente difendere qualcosa senza rispettarla.

Per dimostrare il dissenso ci sono le modalità, i luoghi, le sedi e gli interlocutori stabiliti dalla legge, quella stessa legge che garantisce loro tutta la libertà di espressione e di manifestazione, purchè non vengano violati diritti superiori di altri liberi individui e purchè ci sia il profondo rispetto verso ciò che si intende difendere” conclude l’esponente politico.

Cerca anche

Premio Poesia Città di Fiumicino

Roma, 1° luglio 2016, Biblioteca Nazionale Centrale di Roma: presentazione finalisti Premio di Poesia Città di Fiumicino

Il prossimo 1° luglio 2016, dalle ore 16.30 alle ore 18.00, alla Biblioteca Nazionale Centrale di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *