Home / News / Ostia, Blocco Studentesco: impedita assemblea, tre manifestazioni in risposta al corteo antifascista
corteo blocco studentesco

Ostia, Blocco Studentesco: impedita assemblea, tre manifestazioni in risposta al corteo antifascista

Roma, 3 dicembre – “Ci è stato impedito di svolgere la nostra assemblea dalle forze dell’ordine che hanno identificato gli studenti, in risposta abbiamo organizzato tre manifestazioni di cui due nel percorso del corteo antifascista di Anpi, Rifondazione Comunista e giovani del Pd”.

Lo dichiara il Blocco Studentesco in una nota, dopo che stamattina si sono verificate tensioni tra il corteo e gli studenti che si sono dissociati e volevano svolgere un’assemblea contro la “buona scuola” di Renzi. “E’ inammissibile permettere una manifestazione – ha continuato il movimento studentesco di CasaPound – che aveva il solo obiettivo di dividere gli studendi e di riportare l’antifascismo nelle scuole, come è assurda la presenza di persone adulte di Rifondazione Comunista e centri sociali che volevano creare incidenti. Una volta dispersi i nostri studenti si sono organizzati con un presidio in via dei Promontori ed un altro a piazza Ronca circondati dalle forze dell’ordine in tenuta antisommossa. Un’altra manifestazione è stata organizzata all’istituto Carlo Urbani, altra scuola che non ha aderito al corteo antifascista. Non più di un centinaio di persone ha sfilato con le associazioni e i partiti di sinistra ed il loro fallimento ha soltanto dimostrato la tragica fine della dottrina antifascista ad Ostia. Diamo appuntamento – conclude la nota – a tutti gli studenti liberi, sabato alle 21.30 all’Idrovolante Pub per un’assemblea dove decideremo come proseguire la protesta studentesca iniziata con l’occupazione di tre scuole ad Ostia”.

corteo blocco studentesco 2

corteo blocco studentesco 3

corteo blocco studentesco 4

Cerca anche

striscione CasaPound basta degrado

Ostia, CasaPound allestisce accampamento sotto al municipio: stasera manifestazione contro il degrado a Lido Centro

Roma, 30 giugno – Coperte, cartoni, sedie, un ombrellone ed uno striscione che recita «basta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *