Home / Roma News / Unità d’Italia, festa a Roma per i 150 anni 130.000 persone
Dopo la Notte tricolore che ha visto in strada circa 130.000 persone, giornata di celebrazioni oggi, in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, per il sindaco Gianni Alemanno, il presidente della regione Lazio Renata Polverini e il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti. Insieme al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, al premier Silvio Berlusconi, al ministro della Difesa Ignazio La Russa e ai presidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani, le autorità locali hanno partecipato alle varie tappe dei festeggiamenti.

Unità d’Italia, festa a Roma per i 150 anni 130.000 persone

Dopo la Notte tricolore che ha visto in strada circa 130.000 persone, giornata di celebrazioni oggi, in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, per il sindaco Gianni Alemanno, il presidente della regione Lazio Renata Polverini e il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti. Insieme al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, al premier Silvio Berlusconi, al ministro della Difesa Ignazio La Russa e ai presidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani, le autorità locali hanno partecipato alle varie tappe dei festeggiamenti. Ad aprire la giornata, la deposizione di una corona di alloro al Sacello del Milite ignoto accompagnata dall’alzabandiera, l’inno di Mameli e il passaggio delle frecce tricolori. A seguire, corona di alloro sulla tomba di Vittorio Emanuele, al Pantheon. Successivamente, Alemanno, Zingaretti e Polverini hanno raggiunto il Gianicolo, dove hanno partecipato all’inaugurazione del muro sul quale è stata apposta una lastra in calcestruzzo riproducente gli oltre 10.000 caratteri di cui è costituita la Costituzione della Repubblica Romana del 1849. Da lì hanno visitato il nuovo museo della Repubblica Romana e della Memoria garibaldina di Porta San Pancrazio. Le celebrazioni si sono chiuse con la messa solenne nella basilica di Santa Maria degli Angeli. Ad assistere alla funzione, officiata dal Cardinale Angelo Bagnasco le più alte cariche dello Stato, ministri e amministratori locali. Al termine della funzione il Premier è uscito dalla basilica da un’entrata secondaria mentre, tra applausi e fischi Governo italiano regione e comune ha sfilato tra le due ali di folla presenti in piazza. Applausi sono stati rivolti al ministro Angelo Alfano a Giulio Tremonti ai predidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani, al presidente emerito Oscar Luigi Scalfaro mentre il saluto piú caloroso lo ha ricevuto il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. La gente accorsa in piazza ha riservato però anche qualche fischio, in particolare al ministro dell’istruzione Maria Stella Gelmini.

Fonte notizia Omniroma

Cerca anche

bambino_corridoi_umanitari

Profughi, arrivati altri 81 con i ‘corridoi umanitari’ – L’appello di Impagliazzo (Sant’Egidio): ‘Altri Paesi europei adottino questo modello di sicurezza e integrazione’

Profughi, arrivati altri 81 con i “corridoi umanitari” Questa mattina a Fiumicino grazie al progetto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *