Home / Attualità / Corriere Ostia aggredisce la moglie, la sbatte sul cofano e tenta di soffocarla

Corriere Ostia aggredisce la moglie, la sbatte sul cofano e tenta di soffocarla

Doveva essere un pranzo al mare per cercare di ricomporre una crisi coniugale, ma si è trasformato in una giornata da ricordare negativamente per un coppia di Aprilia. Una volante del commissariato di Ostia è dovuta infatti intervenire per una violenta lite sul lungomare del quartiere romano tra marito e moglie, 60 anni lui 50 lei, residenti nel comune pontino.

L’uomo, in preda ad incontrollabile gelosia, aveva aggredito la propria coniuge insultandola, accusandola di essere una fedifraga, tentando di soffocarla, sbattendola sul cofano di una macchina e facendola infine rovinare a terra.

 

La donna all’arrivo degli agenti aveva cercato di minimizzare l’accaduto affermando di non voler procedere contro il marito, di voler ricomporre la discussione per non volergli nuocere in alcun modo. Il comportamento rilevato allarmava però, gli agenti intervenuti, che segnalavano in tempo reale la vicenda al Commissariato di Cisterna.

Dagli accertamenti effettuati dal personale del Commissariato Pontino è emerso che l’uomo, grande appassionato di armi, deteneva una notevole collezione, comprendente modelli ad uso civile ed armi d’assalto, aventi una notevole capacità offensiva.

Immediatamente è stato disposto il ritiro cautelare dell’imponente collezione avente altresì notevole valore economico e dell’autorizzazione di polizia alla detenzione.

All’uomo è stata irrogata la misura di prevenzione Questorile dell’ammonimento. La donna è stata invitata a rivolgersi ad un centro antiviolenza ed a considerare la gravità e la pericolosità del comportamento del marito anche alla luce delle potenzialità offensive, limitate solo dal tempestivo intervento della Polizia.


Source link

About admin

Check Also

Corriere Ostia le offrono un aiuto, ma è una truffa

Le hanno offerto un aiuto, ma all’incontro nessuno si è presentato. Giovanna, 89 anni, continua …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *